Sport / Calcio

Commenta Stampa

Unico Paese dove è permessa una tale finta sul rigore

Calcio: la Fifa proibisce la "paradinha" ai brasiliani



Calcio: la Fifa proibisce la 'paradinha' ai brasiliani
20/05/2010, 16:05

BRASILIA - Quando si batte un rigore, le regole della Fifa sono chiare: si possono fare finte durante il tiro, a condizione di non bloccare la corsa; in caso contrario il rigore è da ripetere. Ma c'è un Paese dove questa regola non è applicata, il Brasile. Lì esiste la "paradinha", che è la finta fatta al momento di calciare: si prende la rincorsa, si arriva sul pallone e si finge di calciare, spiazzando il portiere; dopo di che si tira sul serio. Il motivo ufficiale fa discendere questa abitudine dal millesimo gol di Pelè fatto su rigore, secondo quello che si dice, con questo genere di finta; anche se in realtà il fuoriclasse brasiliano usò un sistema lecito, limitandosi a cambiare la velocità di rincorsa, in modo da tirare un attimo dopo di quanto il portiere si aspettasse.
Ma negli ultimi tempi si stava esagerando, con doppie e triple finte, che mandano in visibilio i tifosi, ma trasformano il rigore in una farsa. E così la Fifa ha deciso una stretta, vietando quella finta e spiegando - attraverso l'uso di video - a calciatori ed arbitri cosa è vietato e cosa è ammesso fare.
Nel video allegato un video di Footbrazil dove mostra alcune "paradinhas"

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©