Sport / Vari

Commenta Stampa

CALCIO, REJA: "TUTTI DEVONO AVERE PAURA DEL NAPOLI"


CALCIO, REJA: 'TUTTI DEVONO AVERE PAURA DEL NAPOLI'
29/10/2008, 23:10

Io avevo paura di questa gara, l’avevo detto ai ragazzi” Esordisce così Edy Reja, ai microfoni di Sky Sport, dopo la vittoria straripante al San Paolo contro la Reggina, i calabresi si sono presentati “con una sorta di 3-6-1”, spiega il tecnico azzurro e “i ragazzi sono stati straordinari e hanno dimostrato di avere grande mentalità e di credere in questo gruppo”.
E’ stata la notte di Denis e ora tutti si chiedono dove possa portare il Napoli: “E’ un giocatore importante per il Napoli- evidenzia Reja- oggi, però, devo dire che è stato molto bravo Hamsik che ha servito due assist, rispetto ad altre volte che era stato più egoista questa sera è stato più altruista. Tutti e due bravi”.
Il Napoli fa paura e domenica c’è il Milan. La sfida con i rossoneri offre stimoli e motivazioni, am sarà un testa a testa tra campioni. In trasferta a San Siro il Napoli dovrà fare attenzione, ma Edy Reja ha già pronta la soluzione: “la squadra ha consapevolezza di potersi giocare tutte le partire, se riusciremo ad arginare l’attacco del Milan, da centrocampo in poi abbiamo anche noi le nostre capacità”.
Fino ad ora società, squadra e giocatori hanno voluto sempre tenere i piedi per terra ma è difficile con questi risultati e così il tecnico azzurro avvisa: “Chiunque deve aver paura di giocare contro il Napoli”.
La formazione campana gioca molto bene e ha mostrato la miglior mezz’ora del campionato, velocità, cinismo e concentrazione. “Mi ero raccomandato di spingere subito”, confessa Reja.
Per quanto concerne il futuro del campionato “è difficile fare delle previsioni”, afferma il mister che ricorda la bravura di Ranieri, tecnico della Juventus, a inventarsi ogni volta una squadra visti tutti gli infortunati, e vede nella Vecchia Signora, insieme a Inter, Milan, che era partito malissimo ma ora è lì a un punto, e Fiorentina le dirette concorrenti.
50.000 spettatori entusiasmano la squadra e non è il momento di smorzare queste emozioni: “il Napoli si gioca le sue carte fino in fondo, se dovessimo continuare così tutto è possibile- chiude Reja-. Quest’anno è un campionato bellissimo. I valori alla fine verranno fuori.
Aspettiamo il girone d’andata, ora abbiamo Milan e Sampdoria”.
Intanto, però, la città è in festa lassù in testa alla classifica.

Commenta Stampa
di Francesca Fortunato
Riproduzione riservata ©

Correlati