Sport / Vari

Commenta Stampa

CALCIO, REJA:"NON SO COSA SIA SUCCESSO", PUNITI DA INGENUITA'"


CALCIO, REJA:'NON SO COSA SIA SUCCESSO', PUNITI DA INGENUITA''
19/01/2009, 09:01

"Siamo stati puniti da ingenuità". E’ la conclusione di Edy Reja dopo Chievo-Napoli, la squadra azzurra sembra non aver trovato ancora quella maturità tanto cara al tecnico e in trasferta continua a non brillare, anzi. Sul sito ufficiale della Società si leggono le chiare parole dell’allenatore del dopo gara, nessun alibi e tanta voglia di ricominciare: “Inutile buttarsi ora nello scoramento –ha infatti ribadito Reja- dobbiamo reagire subito. Non so cosa sia successo ancora una volta ai ragazzi. In settimana ne avevamo parlato delle difficoltà di questa partita e di come ci avrebbe aggredito subito il Chievo. Eppure in campo ci siamo andati senza l'adeguata intensità. Abbiamo regalato il primo tempo. Poi ci siamo ripresi e nel secondo tempo abbiamo visto una scossa positiva. Però poi il secondo rigore, che mi pare molto dubbio, ci ha condannato"
"C'è poco da dire - continua il tecnico - bisogna maturare e cambiare mentalità fuori casa ".
“Il programma del Napoli va avanti, abbiamo chiuso il girone di andata con uno score eccellente" sono, invece, le parole di Pierpaolo Marino pubblicate sul sito ufficiale della Società. "Onestamente non so cosa succeda alla squadra lontano da casa nostra. Di certo abbiamo ancora evidenti limiti di natura caratteriale che sono emersi anche oggi. Abbiamo approcciato la partita in maniera leziosa mentre il Chievo ci creava sempre problemi ogni volta che ci aggrediva. Poi nella ripresa abbiamo visto qualcosa di positivo ma non siamo stati fortunati in alcune circostanze. Che dire: ricette non ce ne sono. Bisogna lavorare e sperare che la squadra maturi anche lontano dal San Paolo e contestualmente tenga il rendimento interno perché poi in casa abbiamo uno score da scudetto".
 

Commenta Stampa
di Francesca Fortunato
Riproduzione riservata ©

Correlati