Sport / Vari

Commenta Stampa

CALCIOMERCATO: MEDIASET REGALA DIEGO ALLA JUVE?


CALCIOMERCATO: MEDIASET REGALA DIEGO ALLA JUVE?
30/01/2008, 18:01

Una pioggia di soldi sulla Vecchia Signora": tocca a Mediaset aprire i suoi forzierie e permettere al duo Cobolli-Blanc di farsi un bagno stile 'zio Paperone'. Il Biscione "ha esercitato i diritti di opzione acquistati il 23 dicembre 2005 nell'ambito degli accordi con la Juventus aventi ad oggetto la trasmissione, tramite qualsiasi piattaforma distributiva, delle partite interne del Campionato italiano, per l'Italia (criptato) e per il resto del mondo (anche in chiaro), e la trasmissione televisiva di un trofeo amichevole ed altri diritti". Tradotto in soldoni cosa significa? Mediaset spiega: "A seguito dell'esercizio dei diritti di opzione i contratti in essere si estenderanno alla stagione sportiva 2009/2010 con un corrispettivo a favore di Juventus per tale stagione di complessivi 112 milioni di euro, che sarà corrisposto in rate mensili secondo competenza economica". Per la Juve vuol dire avere la certezza di nuovo contante fresco, da investire sul mercato così da dare un'ulteriore spinta verso l'alto alla squadra. Lottare per il quarto posto non è certo nel dna bianconero e la prossima stagione la società piemontese sarà chiamata a un salto di qualità che le permetta di lottare per lo scudetto con Inter, Roma e Milan. Il primo obiettivo? Il brasiliano Diego, stella del Werder Brema, fantasista dal tocco vellutato, in grado di sfornare assist e dribbling buoni per spaccare le difese avversarie. Il giocatore piace anche al Real Madrid (soprattutto se verrà vanificata la speranza di raggiungere Cristiano Ronaldo), società in grado di mettere sul piatto molto soldi. E anche l'Inter (attenti al colpo del Centenario!) oltrei ad alcuni club inglesi si sono segnalati sulle sue tracce, ma ora, con questo contante aggiuntivo la Juve può sperare di mettersi in seria concorrenza con socieà più quotate dal punto di vista economico...
 
 

Commenta Stampa
di Giancarlo Borriello
Riproduzione riservata ©