Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

La rivincita degli spagnoli accolti con scetticismo

Callejon, Reina e Albiol rispondono sul campo


Callejon, Reina e Albiol rispondono sul campo
01/11/2013, 10:48

NAPOLI - Alcune volte i detti, quelli "antichi", sbagliano anche loro si devono arrendere innanzi al genio di Benitez. "A pensare male si fa peccato, ma spesso si indovina" dicono. Errato, se parliamo del Napoli di Benitez che a Firenze ha messo in mostra un'altra prova di forza, esaltati dalla carovana spagnola Reina-Albiol-Callejon che a inizio estate era stata accolta dallo scetticismo generale. Sbagliavano.
Lo scetticismo in Italia è quasi un obbligo. Dopo l'ingaggio di Benitez,  De Laurentis lo accontenta portando a Napoli il portiere del Liverpool e due nazionali spagnoli del Real Madrid, il primo pensiero non è lo stupore ma la dietrologia. Basti pensare che il procuratore di Don Rafé è lo stesso di Reina, Albiol e Callejon. Nel ritiro estivo di Dimaro per i tre spagnoli l'accoglienza è stata fredda. Anzi, ai 15-20 gol previsti da Benitez per l'attaccante ex Real, la risposta fu una corale risata.
A soli quattro mesi di distanza tutto è messo nel dimenticatoio. Classico atteggiamento di in un mondo dalla memoria a brevissimo termine. Tutti sul carro vincente di Benitez. Merito della preparazione del tecnico spagnolo, capace di mettere in campo una squadra divertente ed esaltante, fondata sullo scheletro spagnolo. Anche a Firenze Reina è stato decisivo. Albiol ha dato copertura anche a Fernandez e Callejon a 15-20 non arriverà, forse, ma col capolavoro del Franchi è già salito a quota sei reti. Visti i risultati, se Quilon avesse qualcun'altro da proporre, ora i tifosi azzurri non sarebbero tanto scettici.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©