Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

PARLA ZVONE BOBAN

"Calma, Napoli: per qualificarsi ci vuole testa"


'Calma, Napoli: per qualificarsi ci vuole testa'
12/03/2012, 10:03

Lucida visione tattica, magnifica conoscenza dell’italiano e grinta da guerriero. Per Zvonimir Boban detto Zorro, ex fantasista del Milan e ora commentatore Sky, la chiave di Chelsea-Napoli non è di natura tecnica:
«La calma. La qualificazione allo Stamford Bridge passa tutta per la testa dei giocatori azzurri. Devono scendere in campo senza timori e con una convinzione: sono loro i favoriti».
Boban, ma la spavalderia non può essereun boomerang?
«È una forza mentale e gli uomini di Mazzarri non devono giocare pensando di essere lì per casoo per fortuna:sono a un passo dai quarti di perché sono forti. In nessun momento della partita devono sentirsi inferiori. Se succede, il Napoli farà una brutta fine».
E l’esperienza del Chelsea?
«Questa è una partita molto delicata per gli inglesi: per questo dico che il Napoli deve giocare sentendosi favorito. Niente paure, niente fortini. A testa alta».
Che gara dovrà fare il Napoli?
«Aspettaree ripartire, cercare la profondità con le punte, il Chelsea lascerà tanti spazi».
Il cambio di panchina è un vantaggio?
«L’esonero di Villas-Boas ha dato una scossa ma era prevedibile: lo si capiva guardandolo negli occhi che non riusciva a controllare il giocattolo che aveva tra le mani. Di Matteo ha carisma, ha giocato a pallone, sa quello che i giocatori pensano in questo momento».
Lei ha sempre detto che con la difesa a tre non si vince in Europa.
«Vero, perché spesso significa difendere a cinque con troppi spazi a centrocampo non occupati. Chi ha vinto così negli ultimi anni? È capitato solo alla Grecia agli Europei.Lo aveva capito anche Mourinho col 4-2-3-1. Giocare larghi,puntare sugli esterni».
A proposito di Mazzarri, un peso la sua squalifica?
«Chi se ne frega, la presenza in campo dell’allenatore conta fino a un certo punto perché i giocatori quando comincia la partita non sentono più nulla»
Non toglierà meriti al tecnico?
«È bravo, il lavoro di Mazzarri si vede. Nel gioco e nella personalità.È un allenatore che porta positività e prepara bene le partite».
Guardiamo ai singoli: Lavezzi
«È un fuoriclasse,è diventato nel rendimento pure continuo e le grandi partite le sa risolvere».
Cavani.
«Straordinario. Maturo, fisicamente fresco,con una voglia di vincere incredibile.Grazie ai suoi gol il Napoli è entrato in un’altra dimensione».
Il duello-chiave di Chelsea-Napoli?
«Non esiste una risposta tattica.È la personalità che farà la differenza».
Sempre convinto che per il Napoli era meglio puntare sul campionato?
«Sicurissimo. La Champions o la vinci o è la stessa cosa.Quest’anno il Napoli ha perso una grande occasione per vincere lo scudetto».
Cosa le piace di più del gruppo azzurro?
«La correttezza dei grandi campioni: firmano un contratto e non stanno ogni anno a minacciare il presidente di andar via per un gol in più che hanno fatto, sotto la spinta dei procuratori.Sono ragazzi di grande spessore umano»
FONTE: IL MATTINO
PdM

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©