Sport / Vari

Commenta Stampa

CAMOLESE PENSA ALL'EMPOLI MENTRE IL CHIEVO IN B MERITA PIU' ATTENZIONE


CAMOLESE PENSA ALL'EMPOLI MENTRE IL CHIEVO IN B MERITA PIU' ATTENZIONE
15/01/2008, 14:01

Non c’è niente da fare quando si parla di calcio sono tantissime, troppe le persone che restano in silenzio per ascoltare ciò che i protagonisti hanno da dire, numeroso è anche il numero di chi vuole dire la sua e ipotizza tante soluzioni per la propria squadra del cuore e anche per le altre. Siamo tutti un po’ allenatori, o almeno noi che amiamo questo sport, abbiamo sempre consigli.
Un vero allenatore, però, oggi ha lasciato alcune dichiarazioni a Radio Kiss Kiss, un tecnico che nel corso degli anni si è fatto strada e che domenica ha trovato tre punti fondamentali per il suo Livorno, Giancarlo Camolese:” Sono felicissimo per la vittoria sul Torino, i tre punti li abbiamo meritati. Dove può arrivare il Livorno? Stiamo raccogliendo i frutti del lavoro quotidiano e devo ringraziare i giocatori per l’impegno e la dedizione costante. Questo gruppo ha sofferto tantissimo, soprattutto ad inizio stagione e vorrei che non lo facesse più, raccogliendo soddisfazioni maggiori nel girone di ritorno. Domenica incontreremo l’Empoli, nostra diretta concorrente alla salvezza, e dobbiamo pensare soltanto a lavorare con grande impegno”.
Non solo calcio giocato perché il mercato è ancora aperto e lo sarà fino alla fine di gennaio, le grandi squadre danno sempre un occhio ai giovani promettenti, ragazzi che stessono giungono da società più piccole come il Chievo Verona, una squadra definita per anni una favola per il cammino in A fatto quasi dal nulla e che in B gode forse di meno attenzione: 
“Obinna è corteggiato da mezza serie A? Non ho avuto alcuna richiesta-ha affermato il direttore sportivo della squadra Giovanni Sartori- fino a giugno, ad ogni modo, non si muove da Verona. Quanto vale il giocatore? Difficile dirlo, molto dipende anche dalla concorrenza che può fare scatenare piccole aste. Credo, ad ogni modo, che la sua valutazione possa oscillare sui cinque, sei milioni di euro. I diritti tv? Lo scorso anno, quando in B c’erano Napoli, Juventus e Genoa, si è commesso un errore sottoscrivendo un contratto per una sola stagione. Credo che i veri problemi si evidenzieranno nel prossimo campionato e molte squadre rischieranno seriamente di non iscriversi al torneo. La serie B, comunque, meriterebbe più attenzione e considerazione”. 

Commenta Stampa
di Francesca Fortunato
Riproduzione riservata ©