Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Campionato del mondo Formula 1 storiche: Turizio a Montecarlo


Campionato del mondo Formula 1 storiche: Turizio a Montecarlo
10/05/2012, 15:05

Il pilota napoletano Cosimo Turizio sarà sul circuito monegasco con la sua Hesketh 308 per l’8° edizione del Grand Prix De Monaco Historique. Al via le vetture di Formula 1 degli anni 70 e 80

Napoli, 10 maggio 2012 – In attesa del Gp di Formula 1, in programma a Montecarlo domenica 20 maggio, si svolgerà il prossimo fine settimana (11-13), sempre nella cittadina monegasca, l’ottava edizione del Grand Prix de Monaco. Sulla linea di partenza anche il pilota napoletano Cosimo Turizio.



Il campione partenopeo sarà dunque, al volante della sua Hesket 308E, impegnato nella prova di maggior prestigio del Campionato Mondiale Fia Historic Formula One riservato alle vetture che hanno preso parte negli anni 70 e 80 al campionato mondiale di Formula 1.



Tre giorni entusiasmanti che prenderanno il via venerdì con le prove libere del circuito di Montecarlo per poi proseguire sabato con le qualifiche ufficiali che decreteranno la griglia di partenza della gara vera e propria in programma domenica pomeriggio.



Alla gara parteciperanno oltre 50 vetture che saranno suddivise in classi di riferimento collegate agli anni di partecipazione al mondiale di Formula 1. Cosimo Turizio, che prenderà il via nella Serie F, riservata alle vetture 1-3 litri che hanno gareggiato tra il 1973 ed il 1978, avrà 18 giri a disposizione, con un massimo di 45 minuti di gara, per puntare al podio



“Ho già gareggiato diverse volte sul circuito di Monaco – dichiara Cosimo Turizio- un’esperienza indimenticabile che segna la vita di un pilota di corse automobilistiche. Un percorso cittadino che non consente errori di alcun tipo e che tiene i piloti sempre in tensione massima per sfruttare i pochissimi punti di sorpasso. Per puntare alla vittoria occorre, più che mai, partire nelle prime due file altrimenti non si riesce a salire sul podio”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©