Sport / Vari

Commenta Stampa

Campionato regionale di ginnastica ritmica


Campionato regionale di ginnastica ritmica
07/03/2010, 13:03

Si rinnova l’appuntamento con la Ginnastica Ritmica organizzato dal Comitato Provinciale di ACSI Salerno, presieduto da Alfonso Luigi Venosi, con il valido apporto della Responsabile, Costanza Sabetta e di tutte le maestre coinvolte.
Il PalaPalumbo di Salerno sarà lo scenario ideale per ospitare le centinaia di atlete, che ripongono i loro sforzi nell’avvincente momento di confronto sportivo.
Per l’alto numero delle allieve partecipanti, si è dovuto ricorrere ad un turno suppletivo di gara, anticipando al pomeriggio di sabato 13 marzo le fasi dedicate alle atlete più grandi, lasciando l’intera giornata di domenica 14 alle tantissime bambine che frequentano i primi anni della ginnastica ritmica, oltre la fase di galà dedicata ad ogni Associazione partecipante.
Quest’anno l’evento assume una valenza importante, perché potrebbe sancire l’inizio delle attività nazionali di settore dell’ACSI, grazie ai buoni rapporti tra il Comitato Provinciale ed il Presidente Nazionale, Antonino Viti.
L’ACSI è in forte crescita e sta crescendo la qualità dei suoi rappresentanti, grazie al lavoro svolto in collaborazione con il CONI e, spesso, con le Federazioni di riferimento, rimanendo nella sua proposizione di Ente di Promozione, ma assistendo le Associazioni nella loro naturale evoluzione sportiva verso la fase agonistica.
La Ginnastica Ritmica rappresenta un momento di grande visibilità per tutti, proprio per il coinvolgimento di vari settori sportivi ed organizzativi, che metterà a dura prova tutti i responsabili coinvolti nel dare una buona accoglienza alle Associazioni partecipanti ed al numeroso pubblico, che non farà mancare il proprio sostegno alle atlete.
Le passate edizioni hanno dimostrato l’alta qualità degli esercizi proposti dalle maestre; sicuramente, quest’anno, l’impegno delle ragazze e la voglia di dimostrare le proprie capacità sarà un valido richiamo per gli appassionati della disciplina olimpica.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©