Sport / Calcio

Commenta Stampa

Un problema al ginocchio gli imbedisce di giocare ancora

Cannavaro appende le scarpette al chiodo


Cannavaro appende le scarpette al chiodo
09/07/2011, 15:07

Da tutta la generazione che ha vissuto i mondiali di calcio 2006, sarà ricordato come il capitano. Ha condotto l’Italia alla vittoria ed ha vinto il pallone d’oro, il premio più ambito da ogni calciatore. Ovviamente mi sto riferendo a Fabio Cannavaro, difensore di diverse squadre molto importanti. Ha giocato, infatti, prima col Napoli (la sua città natale), poi col Parma, con l’Inter, con la Juventus, il Real Madrid fino ad approdare a Dubai. Insomma, una carriera da invidiare.

Purtroppo, però, il giocatore 37enne ha appena annunciato il suo ritiro dal calcio giocato. L’improvvisa decisione è stata presa a causa di un problema al ginocchio, che Fabio non è ancora riuscito a risolvere. Non concluderà, dunque, il suo secondo anno con l'Al Alhi (la squadra araba che l’ha ingaggiato da un anno).

“Sono davvero dispiaciuto” - ha detto il giocatore – “ma il ginocchio non regge più. Il calcio è tutto nella mia vita. Non è così semplice anche se prima o poi devi affrontare questo momento. Ma quando arriva è davvero difficile accettarlo”.

“Ero venuto in Dubai per riprendere gli allenamenti in vista della prossima stagione” – ha continuato Cannavaro – “Ma il medico non mi ha permesso di continuare”.

In realtà Fabio aveva già avuto dei disturbi al ginocchio, tanto da non partecipare alle ultime sette partite di campionato. Ma si sa, per un calciatore è sempre difficile appendere le scarpette al chiodo.

Commenta Stampa
di Luana Rescigno
Riproduzione riservata ©