Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Cannavaro:"Scudetto? Non è vero ma ci credo"


Cannavaro:'Scudetto? Non è vero ma ci credo'
24/03/2011, 20:03

Fabio Cannavaro ha rilasciato un'intervista al quotidiano la Repubblica.

E’ vero che sta per entrare in politica, nella squadra di Lettieri, il candidato sindaco del centro-destra a Napoli?

"A me interessa la questione giovanile, che non è né di destra, né di sinistra".

Quindi lascerà il calcio?

"No, resterò qui a Dubai fino al 2012. Nello stesso tempo cercherò di fare qualcosa per Napoli e per i napoletani".

Nessuna nostalgia dell’Italia e di Napoli?

"L’Italia è il mio paese e Napoli la mia città. Tornerò, come da Madrid".

Può chiarire se tornerà alla Juve da dirigente?

"Quando arrivai dal Real, c’era una clausola per lavorare 4 anni in società, una volta smesso di giocare. Quel contratto esiste ancora, vedremo".

Al Napoli lei non è riuscito a tornare da calciatore. E da dirigente?

"Domanda da girare a De Laurentiis. Per fortuna sono nella condizione di potere vagliare le proposte. Io ho passione per Napoli, dove i miei figli non hanno mai vissuto e dove vivono i miei genitori, e per il Napoli, dove mio fratello Paolo è capitano di una squadra in corsa per lo scudetto. Secondo me, meriterebbe la Nazionale".

A proposito, lo scudetto è un sogno?

"Non è vero, ma ci credo. E’ difficile. Però il Napoli, rispetto a Milan e Inter, ha il vantaggio della spensieratezza".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©