Sport / Vari

Commenta Stampa

CANOTTAGGIO: L'ILVA BAGNOLI TRIONFA AL "PAOLO D'ALOIA"


CANOTTAGGIO: L'ILVA BAGNOLI TRIONFA AL 'PAOLO D'ALOIA'
30/10/2008, 14:10

L' Ilva Bagnoli ha conquistato per il terzo anno consecutivo il prestigioso Trofeo Paolo d'Aloja, destinato al Circolo remiero italiano che nel corso della stagione ha totalizzato più punti nelle gare nazionali riservate alle categorie Allievi e Cadetti (11-14 anni). L'Ilva ha collezionato 2.359 punti (1.792 con gli uomini, 567 con le donne) precedendo la Canottieri Gavirate (1.906 punti) e la Moto Guzzi (1.720). Al 14° posto il Posillipo con 1119 punti, al 24° il Savoia con 720 punti.
Legittima la soddisfazione di Guglielmo Santoro, presidente del circolo flegreo: "Tre successi consecutivi nel Trofeo D'Aloja è un'impresa non unica, ma rara: in passato soltanto il Savoia c'era riuscito".
A chi sostiene che sul trionfo dell'Ilva ha inciso in maniera determinante la massiccia presenza degli atleti flegrei alle gare che danno punti, il tecnico neroverde Massimiliano Sibillo risponde così: "Sarebbe un rilievo giustissimo se non fosse smentito dai fatti, ovvero dai piazzamenti: noi siamo sempre tra le società più medagliate. E poi, in ogni caso, abbondanza di atleti significa che alle spalle c'è un grande lavoro e un grande investimento economico da parte della società. Crescere gli atleti costa".
L'Ilva ha fatto tris nel Trofeo D'Aloja grazie soprattutto alle vittorie del Meeting di Genova, del Meeting di San Miniato e del Festival dei Giovani di Corgeno. Aggiunge Sibillo: "Sicuramente il Festival dei Giovani è la gara che ci ha riservato le maggiori soddisfazioni. Non avevamo mai vinto questa manifestazione, nelle ultime 19 edizioni soltanto una società napoletana c'era riuscita: il Posillipo. La vittoria stagionale più bella? Quella del "quattro di coppia" Allievi C De Natale-Lamagna-Vitagliano-Greco a Corgeno. Più che bella la definirei sorprendente e importante: sorprendente perché era un equipaggio nuovo di zecca, importante perché è stato proprio questo inaspettato primo posto a consentirci di vincere il Festival dei Giovani".
Novità in vista per il futuro. "Adesso che abbiamo vinto per la terza volta consecutiva il Trofeo D'Aloja - precisa Sibillo - ci dedicheremo soprattutto alla categoria Ragazzi. Ciò non vuol dire che trascureremo gli Allievi e i Cadetti, sia ben chiaro, ma intendiamo concentrare i nostri sforzi in particolare sulla categoria superiore".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©