Sport / Vari

Commenta Stampa

CANOTTAGGIO: L'ILVA DI BAGNOLI VINCE IL FESTIVAL DEI GIOVANI


CANOTTAGGIO: L'ILVA DI BAGNOLI VINCE IL FESTIVAL DEI GIOVANI
08/07/2008, 14:07

Continua la grande tradizione remiera della Campania. Una grande Ilva Bagnoli vince il Festival dei Giovani, la massima manifestazione del canottaggio giovanile Italiano. Sullo splendido campo di regata del Lago di Comabbio a Corgeno, provincia di Varese, si sono svolte dal 4 al 6 Luglio le gare più importanti dell’anno per il canottaggio giovanile, con la partecipazione di 116 società. In 19 edizioni del Festival, soltanto nel 2001 un circolo campano, il Posillipo, è riuscito a vincere la manifestazione, generalmente appannaggio dei circoli lombardi. Dopo 7 anni, l’Ilva Bagnoli, seconda l’anno scorso dietro al Gavirate per una manciata di punti, fa trionfare di nuovo il canottaggio napoletano, battendo nettamente i campioni  uscenti in casa loro. E ancora, a testimoniare il grande spessore del canottaggio di casa nostra anche a livello giovanile, la ciliegina sulla torta la mette il Posillipo, ottimo terzo con un medagliere importante. I numeri parlano chiaro, l’Ilva si è imposta con 617 punti davanti a Gavirate, 562, e Posillipo, 498. Ma i numeri sono solo la fredda traduzione matematica di un grande successo di squadra, che premia la passione sportiva e l’organizzazione del circolo di Bagnoli, da tre anni ormai dominatore assoluto del canottaggio giovanile nazionale, con due Trofei D’Aloia consecutivi conquistati negli ultimi due anni ed il terzo in arrivo per il 2008. Soltanto il successo nel Festival mancava al palmares dell’Ilva, sfiorato lo scorso anno ed ora puntualmente conquistato, al termine di tre giorni di grande agonismo ed immensa passione sportiva. Sette le medaglie d’oro conquistate dall’Ilva. Cinque nei singoli, con: Ilaria Soricelli (cadetti femminile, classe ’94), Roberto Cuollo (cadetti), Lorenzo De Natale (allievi C, classe ‘95), Emilio Aprea e Carlo Scalzo (allievi B, classe ’96). Due splendidi successi nelle barche olimpiche, con i due quattro di coppia: allievi C (Lorenzo De Natale, Antonio Greco, Francesco Lamagna, Edoardo Vitagliano) ed allievi B (Carlo Scalzo, Emilio Aprea, Federico Esposito, Umberto Peluso). Due argenti importanti per la classifica sono venuti da Andrea Arenga ed Andrea Poli (doppio allievi B) e Ilaria Soricelli e Alessia Rizzo (doppio cadetti). Ma oltre ai 7 ori, 6 argenti e 5 bronzi, la vittoria è stata conquistata per merito della grande volontà di tutta la squadra, che ha lottato fino alla fine di ogni gara strappando i migliori piazzamenti possibili per ogni equipaggio.Talvolta, come nella conclusiva giornata di Domenica, malgrado condizioni meteorologiche pessime per la pioggia, il vento e la nebbia, che hanno più volte messo in forse la continuazione delle gare. Ma il successo e la determinazione dell’Ilva sono anche merito dei genitori, che hanno seguito i loro giovani atleti con grandi sacrifici rendendo possibile l’organizzazione perfetta che ha consentito di portare a Corgeno, 900 km da Napoli, 49 giovani atleti per i tre giorni di gara, ansiosi di vincere con qualunque condizione del campo di gara. Grande entusiasmo per gli allenatori, Giovanni Fittipaldi e Massimiliano Sibillo e per il Presidente, Salvatore Sorrentino, al termine di un’annata di grande lavoro e grandi soddisfazioni. Con una promessa: vedere fra pochi anni i giovani leoni dell’Ilva dominatori anche nelle categorie superiori, sui campi di gara nazionali ed internazionali.

Commenta Stampa
di Giancarlo Borriello
Riproduzione riservata ©