Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Careca: "Con un Cavani così, sognare è lecito"


Careca: 'Con un Cavani così, sognare è lecito'
08/02/2011, 12:02

Antonio Careca, indimenticabile ex attaccante del Napoli, ha rilasciato un’interessante intervista  a “Il Mattino”, andando a toccare diversi temi. Questo è quanto sottolineato da PensieroAzzurro.
SU CAVANI
 "Cavani è arrivato, ormai, ad un solo gol di distanza da me. Io ne feci 19, lui è a quota 18, ma batterà sicuramente il mio record e io sarò il più felice di tutti: se continua a segnare così, il Napoli potrebbe davvero vincere il terzo scudetto della sua storia. Se dovesse succedere, prenderei l'aereo e correrei allo stadio San Paolo per assistere alla partita decisiva. L’attaccante uruguayano è migliorato tantissimo rispetto all'inizio del campionato, ha forza, velocità ed un bel tiro. Il gol contro il Lecce mi ha ricordato alcune mie giocate”.
SUL TRIDENTE AZZURRO E SUL PARAGONE CON QUELLO DEGLI ANNI D’ORO
“Difficile fare paragoni tra il tridente attuale del Napoli e quello dei nostri tempi: Diego è Diego ed è unico. Però, devo ammettere che le giocate tecniche e in grande velocità che mettono in pratica oggi ricordano le nostre di un tempo. Qualche analogia con il nostro tridente c'è: la squadra segna tanto e diverte”.
SUL METODO DA ADOTTARE PER RIMANERE IN ALTO
“Ora occorre tenere a bada l'entusiasmo della piazza, mantenersi freddi e lucidi. Noi, ad esempio, la parola scudetto la pronunciammo soltanto il giorno in cui lo vincemmo. Da questo punto di vista, infatti, mi sta piacendo molto l'atteggiamento del presidente e del tecnico Mazzarri, che stanno volando basso. Il Napoli si sta dimostrando la squadra più continua, il Milan l'ho visto in flessione nelle ultime partite e, dunque, ritengo l'Inter la squadra più pericolosa per gli azzurri. Il segreto per vincere a Napoli? Noi vincemmo con un grande spogliatoio, eravamo amici dentro e fuori dal campo. Per vincere è questo l'aspetto fondamentale".
E se lo dice lui…

Commenta Stampa
di Pietroalessio di Majo
Riproduzione riservata ©