Sport / Calcio

Commenta Stampa

Carpisa Yamamay Napoli, impegno infrasettimanale contro l’Acese


Carpisa Yamamay Napoli, impegno infrasettimanale contro l’Acese
11/12/2012, 14:01

Il Napoli Carpisa Yamamay torna a giocare in Coppa Italia, la competizione che l’ha visto protagonista lo scorso anno con la finale persa solo ai supplementari contro il Brescia. Dopo i brillanti successi dei turni precedenti (5-0 a Cassino e 2-0 a Roma contro la Lazio) le napoletane domani si troveranno di fronte negli ottavi di finale l’Acese (ore 14.30, stadio Collana, ingresso gratuito), formazione di Acireale che milita in serie A2 e che è attualmente al terzo posto nel girone D. Le siciliane sono state per anni rivali del Carpisa Yamamay in serie A2 e le sfide tra le due formazioni sono sempre state molto spettacolari.

            Il tecnico Peppe Marino avrà a disposizione l’intera rosa, con la sola eccezione di Penelope Riboldi. La formazione titolare sarà scelta solo poco prima del match e non sarà facile lasciare fuori alcune delle ragazze, viste le ottime prestazioni delle ultime partite, sia da parte delle titolari che di chi è entrata a partita in corso. “È un impegno da non sottovalutare – spiega Marino -, l’anno scorso siamo arrivati in finale pur giocando in serie A2 e anche quest’anno potrebbe accadere lo stesso con un’altra formazione. Il nostro obiettivo è di andare avanti il più possibile. Metterò in campo la migliore formazione, ho una rosa competitiva in tutti i reparti e ogni ragazza sa di essere indispensabile nel momento in cui viene chiamata in causa”.                                                                                         

            Napoli Carpisa Yamamay-Acese, valida per gli ottavi di finale della Coppa Italia, si giocherà domani, mercoledì 12 dicembre, alle ore 14.30 allo stadio Collana del Vomero. Intanto ieri è arrivata anche la convocazione di Michela Franco nella nazionale maggiore, che sarà in raduno a Coverciano dal 17 al 20 dicembre agli ordini del commissario tecnico Antonio Cabrini. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©