Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Casarin: "Rosi e Lavezzi hanno ammesso le colpe"


Casarin: 'Rosi e Lavezzi hanno ammesso le colpe'
16/02/2011, 14:02

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è
intervenuto Paolo Casarin, ex fischietto internazionale.

“Le immagini che ho visto sono quelle trasmesse da Sky. Devo dire che quando accadono questi episodi, i colpevoli vengono puniti con molta severità e non vi è nemmeno bisogno di prove che diano una certificazione. Mi pare anche che i due giocatori abbiano ammesso le loro colpe. Credo che lo sputo sia uno degli atteggiamenti più brutti che si possano fare in campo, paradossalmente è peggiore di un calcio. Non so il giudice sportivo su quali elementi basi la sua decisione, dico però che da immagini viste così, si evince che i due calciatori non si siano scambiati auguri natalizi. E’ un giudizio che non posso permettermi di dare poichè mi mancano gli elementi.

Dispiace molto per Lavezzi che stimo come giocatore anche perché questo è un episodio che va ad alterare gli equilibri della squadra, ma nel futuro la televisione sarà sempre più padrona del calcio. Dobbiamo passare alla mentalità per cui qualsiasi cosa si faccia in campo, non potrà più sfuggire seppure l’arbitro non se ne accorgesse. Lo sputo è una condotta violenta e come tale è punita con tre giornate di squalifica; se però lo sputo non lo si vede, e l’atteggiamento di avvicinarsi di Lavezzi era solo uno scatto di nervosismo, allora la sanzione non può essere applicata e in ogni caso le sanzioni devono essere differenti tra azione e reazione.

Non è strano che un giudice chieda un supplemento di rapporto, lo farei anch’io. I giudizi sono sempre personali, non so se nel ricorso del Napoli ci sarà spazio per cambiare la decisione di primo grado, io però difendo il campo di gioco affinché episodi del genere non si verifichino più, bisogna comportarsi in modo corretto. Concludo augurando al Napoli un felice
campionato”

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©