Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

SGARBO A QUAGLIARELLA

Castellammare, cittadinanza onoraria a Cavani


Castellammare, cittadinanza onoraria a Cavani
05/03/2011, 13:03

Colpo di scena a Castellammare di Stabia. Nella città di Quagliarella un consigliere comunale, Antonio Sicignano (Cdl) propone: «Diamo la cittadinanza onoraria al bomber del Napoli, Edison Cavani», l'idolo che ha preso il posto del «Masaniello» napoletano nel cuore dei tifosi.

LA STORIA - Rewind. Ventisette agosto 2010. Arriva come una doccia fredda la notizia dell'addio di Fabio Quagliarella, stabiese purosangue, che abbandona Napoli per mete bianconere, gettando nella disperazione tutti i tifosi partenopei. Ma la rabbia e l'amarezza del popolo napoletano vengono spazzati subito via all'arrivo di Edinson Cavani (e dai suoi gol). Perciò, adesso, l'onorificenza al sudamericano suona quasi come uno sgarbo - indiretto e involontario - a Fabio, stabiese e ora juventino doc.

LA PROPOSTA - «Una tale scelta sarebbe un forte segnale per i giovani della nostra città, molti dei quali vivono purtroppo momenti di degrado sociale» afferma sicuro Sicignano, leader della Cdl stabiese (sì proprio la morta e sepolta "Casa delle libertà" di berlusconiana memoria, un nostalgico). «Ho letto sui giornali che il bomber Cavani attraverserebbe un periodo di stress, anche in quanto costretto a traslocare dalla sua vecchia abitazione di Lucrino in una nuova abitazione nella città di Quarto. Ebbene, pur nulla togliendo alla città di Quarto, io lo invito a Castellammare, dove è risaputo che vi sono delle viste mare veramente da mozzafiato. E poi nella nostra città vivono già tanti campioni, alcuni dei quali militano nello stesso Calcio Napoli. Cavani non è solo un grande calciatore, ma un uomo eccezionale, che ha più volte dimostrato di credere in certi valori e nella fede in Dio. Per questi motivi, presenterò una richiesta in conferenza dei capigruppo affinché sia concessa al fuoriclasse del Napoli la cittadinanza onoraria della città di Castellammare di Stabia».

fonte: Corriere del mezzogiorno

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©