Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

VOTI E COMMENTI

Catania-Napoli 2-1, le pagelle


Catania-Napoli 2-1, le pagelle
30/10/2011, 03:10

De Sanctis 6 - Nessuna colpa si gol subiti. Per il resto offre le solite garanzie tra i pali.

Fideleff 4,5 - Sicuramente non ha tutte le colpe di questo mondo, ma alzi la mano chi pensa che questo sia un giocatore da Napoli.

Cannavaro 5,5 - Fa il possibile contro le arrembanti punte catanesi. Ammonizione evitabile.

Fernandez 5,5 - Molto meglio nella difesa a 4 (tutti sanno che è un centrale difensivo vecchio stampo), sul secondo gol perde Berghessio.

Zuniga 5 - In affanno perenne per tutta la partita. Un paio di giocate intelligenti, per il resto tanto fumo e niente arrosto.

Inler 5,5 - Quando vedremo il calciatore ammirato a Udine, gìi voti saranno sicuramente più alti e non serviranno forzature.

Santana 4 - Aveva fatto anche un paio di giocate interessanti, ma la doppia ammonizione è il frutto di un'ingenuità pazzesca. Esperimento fallito.

Dossena 5,5 Assist escluso, si spegne prestissimo.

Mascara 5,5 - L'azione del vantaggio è anche merito suo, poi, mal assistito, sparisce dal match.

Lavezzi 6 - Poco incisivo, poco concreto, ma almeno ci prova. Poteva tirare sull'ultima occasione del match, ma l'assist per Dzemaili era stato intelligente.

Cavani 6 - Mazzarri dovrebbe catechizzare il Matador: la sua posizione è di punta centrale e il gol siglato oggi ne è una dimostrazione. Generosissimo, ma corre davvero troppo.


I SUBENTRATI

Dzemaili 5,5 - Per sfortuna e imprecisione fallisce il gol del pareggio. Oggi avrebbe dovuto giocazre titolare.

Maggio 5,5 - Si traveste da difensore aggiunto del Catania sull'occasionissima di Dzemaili.

Hasmsik 5,5 - Il suo ingresso non cambia l'inerzia del match.


All. Mazzarri 5 - Partita assurda, anche sfortunata. Onestamente la scelta di Santana come centrocampista centrale è fallita in maniera clamorosa. Dzemaili doveva partire titolare. Le dichiarazioni post-partita celano un vittimismo che non serve in questo momento.

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©