Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Causio: "Il Chelsea era alla portata del Napoli"


Causio: 'Il Chelsea era alla portata del Napoli'
15/03/2012, 14:03

A Radio Crc è intervenuto Franco Causio, ex calciatore italiano: “Il Napoli ha fatto bene se si prende in considerazione il girone di ferro in cui era coinvolto. Bisogna fare solo un plauso alla società partenopea. Ieri qualcosa è mancato e gli inglesi fuori casa rendono solo il 50% delle loro potenzialità. Il Napoli poteva fare qualcosa in più, soprattutto in fase offensiva anche perché Di Matteo ha cambiato la tattica della squadra ed ha schierato in campo una formazione diversa rispetto a quella vista al San Paolo. Il Chelsea ha chiuso molto bene gli spazi, non ha concesso nulla. Sul 2-1 la partita gli azzurri potevano gestirla diversamente. I calciatori del Chelsea hanno tirato fuori un po’ di orgoglio ma come gioco i blues sono alla portata del Napoli. C’è un po’ di rammarico dovuto proprio all’equilibrio in campo delle due squadre. Rientrare nelle prime otto d’Europa sarebbe stato davvero bello per il Napoli. Credo che tutti i meriti vadano a Mazzarri, al suo staff, al presidente ma soprattutto ai calciatori. Purtroppo gli episodi sono stati negativi al Napoli ma non mi sento di dare nessuna colpa. Non so se Maggio recupererà per il match contro l’Udinese. Maggio è un calciatore che è importante per l’economia del gioco del Napoli. Maggio è determinate non sono nella fase di possesso palla, ma anche in quello di non possesso. Cosa deve fare il Napoli per acciuffare il terzo posto? La batosta della Champions non so come venga digerita dai calciatori azzurri ma domenica il Napoli ha un appuntamento importantissimo ad Udine. L’Udinese non è al massimo della forma, non è brillante come lo era nel girone di andata, ha qualche infortunato, c’è un po’ di stanchezza, gli automatismi non sono più quelli di prima per cui il Napoli potrebbe approfittarne, quella di domenica è davvero un match importante. Il Napoli dovrà giocare per vincere ma la partita sarà davvero difficile”.

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©