Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LO SCRIVE "IL MATTINO"

"Cavani non si scompone e prenota un gol"


'Cavani non si scompone e prenota un gol'
22/11/2011, 11:11

Un sorriso rassicurante quello di Edinson Cavani. La solita serenità, toni pacati, grande tranquillità. Prende la mira il Matador e lo fa senza scomporsi di un millimetro alla vigilia della partita più importante della stagione. «Sto bene, non è cambiato niente rispetto all'anno scorso. Sono momenti che possono capitare, io sto bene e sento la fiducia del mister, che è la cosa più importante. Sono tranquillo, prima o poi cambierà. Cerco di andare avanti così, sapendo che bisogna fare il massimo, allenarsi sempre al cento per cento e avere un atteggiamento positivo». Il Matador c'è. Prenota un gol al City, squadra che ha allungato lo sguardo sul campione uruguaiano, squadra che Edinson ha già colpito nel match di andata in Inghilterra. «Segnare per mettermi in mostra contro il Manchester? Non mi importa nulla, cercherò di fare il massimo e di far gol per regalare un'emozione ai miei compagni e alla mia gente. Penso solo al Napoli e a Napoli». Messaggio chiaro, preciso. Cavani vuole un gol e sogna la vittoria contro il City dei campioni. «Sarebbe importantissima per la qualificazione. Il Manchester City è forte, lo era anche il Bayern. Con i tedeschi soffrimmo i primi venti minuti e poi giocammo una grande partita. Il City vuole passare il turno, per cui credo che giocheranno la loro gara. Dobbiamo sfruttare gli spazi che ci verranno concessi».
Una serenità sconvolgente quella di Edinson: il Napoli si gioca con il Manchester City la partita per il passaggio agli ottavi di Champions. E lui affronta a livello di squadra di club la partita più importante della carriera. Tutto ciò non lo scompone. «Amo giocare al calcio e per me tutte le partite sono importanti. Questa contro il Manchester City è una gara normale, importante come tutte le altre».
Il paragone con l'Uruguay - Non partiva favorito con la Celeste, ha vinto la coppa America sorprendendo Brasile e Argentina. Il Napoli non è favorito nel girone con Bayern Monaco e Manchester City: potrebbe farcela a passare il turno? «Napoli e Uruguay sono situazioni diverse, spero di poter raggiungere obiettivi importanti anche con la maglia azzurra ».
L'elogio a Mazzarri, il suo allenatore a Napoli che lo ha trasformato in prima punta e valorizzato in termini di realizzazioni. «Un ottimo allenatore, gli allenatori sono tutti importanti per la mia carriera, da ognuno di loro cerco di imparare qualcosa».
In ritardo di gol, l'anno scorso segnava a un ritmo impressionante. Ma non è giù di morale, anzi. Non avverte stanchezza e non è nervoso. Questa contro Dzeko, Aguero forse Balotelli può essere la sua grande serata. Un gol per se stesso, per Napoli e il Napoli. All'andata ci riuscì, si sbloccò: trasformò in oro l'assist di Maggio che di corsa si era fatto mezzo campo. Era la prima partita del girone di Champions, metà settembre. Sono passati due mesi, questa è la quinta partita del girone, il Napoli è ancora lì, anche il Matador. L'ultima rete in Europa agli spagnoli del Villarreal, un rigore perfetto al San Paolo.
“Giochiamo contro grandi campioni come quelli del Manchester City, ci servono i punti per andare avanti in una competizione così importante come la Champions”, dice Cavani. Rispetto ma non paura e soprattutto la consapevolezza di potersela giocare. Il Matador è già pronto. Insegue una grande notte, una notte alla Cavani.
FONTE: IL MATTINO

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©