Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

De laurenttis cede nell'attesa di una offerta concreta

Cavani svenduto per 55 milioni al 30 giugno


Cavani svenduto per 55 milioni al 30 giugno
17/06/2013, 15:58

Il destino di Cavani molto probabilmente sarà scritto il 30 giugno 2013. Il Matador ed i suoi agenti sembra siano stati in grado di far scendere la clausola rescissoria a 55 milioni cash, ma fino al 30 giugno su richiesta di Aurelio de Laurentiis. Questo dovrebbe consentirgli ampio margine di trattativa con il Chelsea sempre che la squadra londinese abbia qualche offerta da presentare al Napoli. Solo voci per il momento, ma se la notizia che trapela dalle prime righe dell’articolo dovesse essere vera, il Matador dovrebbe correre nella capitale della Union Jack siglando un contratto faraonico che metta a tacere la società e le curiosità dei tifosi imbestialiti sulla incertezza contrattuale del loro beniamino. Il Napoli in questo momento tratta con una sola squadra ufficialmente e non da ora, ma da novembre. Stiamo parlando del Manchester City la cui negoziazione sembrerebbe avallare le anticipazioni della Julie riguardo il primo engagment di mercato avuto tra il Napoli ed un’altra squadra sulla questione di Cavani. Inutile dire che la società azzurra, i procuratori di Edinson e lo stesso centravanti uruguagio, hanno sfruttato l’insistenza dello sceicco di casa Qatar per proporre sul mercato la punta di diamante del momento. Il Real Madrid, invece, rappresenta una voce di corridoio o le semplici intenzioni dei genitori di Edinson che lo vogliono vicino alla famiglia con una bella casacca dei Galacticos indosso. Inutile dire che il Napoli potrà incassare 55 milioni da subito senza però doverne pagare di tasse previste dalla plusvalenza finanziaria se l’acquisto del giocatore  dovesse essere messo a bilancio corrente, altrimenti, il buon Aurelio de Laurentiis provvederà a trattenere il Matador confermandolo prima del ritiro, ma è chiaro che in caso di permanenza del centravanti uruguagio, il tutto avverrà contro la sua volontà.

Commenta Stampa
di Livio Varriale
Riproduzione riservata ©