Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LA DICHIARAZIONE

Cavani:"Il Mondiale mi ha cambiato"


Cavani:'Il Mondiale mi ha cambiato'
28/09/2010, 10:09

In un'intervista rilasciata al giornalista Antonio Giordano per il Corriere dello Sport, Edison Cavani ha così parlato del momento felice che sta vivendo a Napoli e della partita vittoriosa di Cesena: 

E allora, Ca­vani, scelga il gol più bello.
«Forse una rovesciata con il Palermo, an­zi senz’altro quello. Però mi sono piaciuti anche i due di Cesena. A me tutti i gol piac­ciono, soprattutto quando servono per vin­cere».

Niente male il primo e pure il secondo, se lo lasci dire...
«Preferisco che certe cose le diciate voi. Io resto umilmente felice. Abbiamo vinto su un campo difficile contro una squadra che ha dimostrato con Roma e Milan di saper essere complicato da battere. Noi ce l’ab­biamo fatta, quando il risultato a un certo punto di dava addirittura contro».

Questo è un gran momento, per voi: ave­te dato dimostrazione di quanto possiate es­sere forti.
«Perdevamo uno a zero e non era giusto. Abbiamo cominciato a giocar meglio, me­glio di prima che già stavamo facendo bene; abbiamo trovato la porta, dopo aver sfiora­to varie volte il gol. Abbiamo espresso un gran bel calcio, regalato soddisfazione ai ti­fosi, conquistato una vittoria che fa morale e conferma il valore della squadra».

E’ sembrato un gran Napoli, al quale il ri­sultato sta persino stretto.
«E’ importante vincere. Ci siamo riusciti e nel modo più entusiasmante per la nostra gente. Sono contentissimo di come stiano andando le cose. A volte, il campo dà torto, come purtroppo è successo contro il Chievo, ma alla lunga il lavoro paga. I risultati arri­veranno, perché ci impegniamo sempre e tanto; perché abbiamo dei valori».

Reazione da grande squadra: si può dire?
«Sono d’accordo. Abbiamo risposto al gol del Cesena pro­prio come fanno le grandi. Abbiamo pre­so il comando deciso della partita, ma de­vo anche ripetere che già nel primo tempo avevamo giocato be­ne». 

Si sente più maturo, ora?
«Il Mondiale mi ha cambiato, in meglio».

Giovedì c’è la Steaua e domenica la Roma.
«Dobbiamo andare in Romania e giocare come a Cesena. E poi ritrovare continuità di risultati al San Paolo».

Commenta Stampa
di Gianluca Cammarota
Riproduzione riservata ©

Correlati