Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

RASSEGNA STAMPA

CdS - Galliani furioso: "Anche Aronica da rosso"!


CdS - Galliani furioso: 'Anche Aronica da rosso'!
06/02/2012, 11:02

Mentre un infuriato Ibrahimovic lasciava lo stadio evitando qualsiasi contatto con i cronisti, Adriano Galliani avviava la strategia difensiva. L’obiettivo è chiaro: ottenere 2 sole giornate di squalifica, in modo da permettere allo svedese di scendere in campo nel big-match con la Juventus del prossimo 25 febbraio. « Non c’è nessuna condotta violenta - ha arringato l’ad rossonero davanti alle telecamere di Milan Channel -. Non credo che Ibra possa avere più di 2 giornate. Sento commenti catastrofici, ma è inutile che certi moviolisti facciano i fenomeni ». Va dato per scontato insomma che, nel caso di squalifica per 3 turni, il Milan farà ricorso. Fece così anche dopo l’espulsione dello svedese contro il Bari, nello scorso campionato. E, alla fine, il club di via Turati ottenne di ridurre lo stop da 3 a 2 giornate.
POLEMICHE E LAMENTELE - Ma in casa Milan il clima è infuocato pure per altre decisioni arbitrali. Anche Aronica, infatti, secondo Galliani, avrebbe meritato lo stesso provvedimento di Ibra. « Ma io ho visto, l’arbitro invece no ». E qualcosa non è andato per il verso giusto neppure nel primo tempo. « C’era un rigorino - ha insistito l’ad rossonero, riferendosi al contatto Robinho-Gargano -. Visto che c’è chi si lamenta dei rigori non dati… ». Il riferimento è chiaramente per Mazzarri. « Tutto è partito con Zuniga a terra (evidentemente secondo il dirigente milanista non era il caso di interrompere il gioco in quel frangente, ndr). Stavamo producendo il massimo sforzo e avremmo certamente segnato. Ora, però, basta recriminare. Piuttosto voglio sottolineare il grande orgoglio e la determinazione della squadra, anche in inferiorità numerica. Siamo stati più pericolosi noi del Napoli e Robinho ha avuto una palla straordinaria proprio nel finale ».
FONTE: PIETRO GUADAGNO PER IL “CORRIERE DELLO SPORT”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©