Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

IL SOLLIEVO DI GORAN

CdS - Pandev sorride: "Rientro presto"


CdS - Pandev sorride: 'Rientro presto'
06/10/2011, 11:10

«Meno male, meglio così», sbotta Goran Pandev, abbozzando un timido sorriso. Ore 13 di ieri, il dottor Mariano Scaglione, responsabile del dipartimento di radiologia della clinica "Pineta Grande" di Castelvolturno e il medico sociale del Napoli, Alfonso De Nicola, comunicano al macedone che si tratta solo di uno stiramento al bicipite femorale sinistro. Niente di grave, al contrario di come era apparsa in un primo momento. Dall'ecografia appena effettuata, invece, risulta solo un'elongazione del muscolo interessato dall'infortunio. Anzi, il fastidio si è anche spostato da dove era comparso inizialmentel'ematoma. I medici rassicurano Pandev. Potranno anche bastare un paio di settimane di riposo, proseguendo le cure specifiche (laser, ultrasuoni, tecar) per guarire e poi riprendere gradualmente ad allenarsi.
INCUBO SVANITO - L'attaccante scarica così tutta la tensione accumulata dopo il blitz in nazionale e quel responso micidiale (due mesi di stop).«Meno male», ripete. Era diventato un incubo: due mesi inattivo, muscolo lacerato, chissà quanto tempo poi per riprendere. Per fortuna del calciatore e del Napoli, l'infortunio dovrebbe risolversi entro la fine di ottobre. Ed a novembre, quando gli azzurri andranno a far visita al Bayern (il 2) e poi ospitare il Manchester City (il 22), " Kung Fu" sarebbe disponibile. Il condizionale è d'obbligo quando si ha a che fare con alterazioni muscolari. Ma dalla lettura dell'ecografia, associata all'ottimismo dei medici e alla valentia del fisioterapista al servizio della società (il prof. Rosario D'Onofrio di Gaeta) inducono a ben sperare.«Goran Pandev dovrebbe tornare a lavorare in gruppo tra due settimane. L'attaccante azzurro, dopo l'infortunio di sabato a San Siro, ha effettuato gli accertamenti strumentali che hanno evidenziato uno stiramento al bicipite della gamba sinistra. Pandev farà quattro giorni di fisioterapie, e da lunedì svolgerà un programma di lavoro differenziato fino al rientro in gruppo», recita il comunicato emesso dalla società e pubblicato tempestivamente sul sito ufficiale del club.
TANTA VOGLIA - Tra i primi ad informarsi e ad essere informato, oltre al presidente De Laurentiis ed all'allenatore Mazzarri, è stato Carlo Pallavicino, il procuratore del calciatore. Ha sentito Pandev appena ultimato l'esame strumentale. Lo ha incoraggiato.«Passerà anche questo », gli ha detto. Poi ha commentato con i cronisti: «Goran si sente molto coinvolto nello spogliatoio del Napoli. Venne accolto con il coro che gli facevano ai tempi della Lazio dai suoi nuovi compagni e questo ne ha agevolato l'inserimento. Con l'Inter avrà peccato di generosità, ci teneva a fare bella figura contro la sua ex squadra ma già durante la sfida con il Milan aveva accusato un problemino. Sono sicuro che si riprenderà presto e farà la sua parte».
CORSA AD UN POSTO - Intanto lo stop di Pandev, scatena una nuova concorrenza interna. E soprattutto ad un posto in panchina, pronto per dare il cambio ad uno dei tre tenori. Mascara, Santana e Chavez si stavano già alternando ma ora scalda i motori anche Cristiano Lucarelli. L'ex livornese, non inserito nella lista Champions, aveva chiesto al tecnico di essere risparmiato se gli fosse toccata la tribuna. Ora non più. Lucarelli potrebbe trovare quello spazio che aveva sperato durante il ritiro estivo quando la mira sembrava essere tornata quella giusta (quattro reti nelle prime tre amichevoli). E se Mazzarri dovesse avere bisogno di lui, il bomber livornese sarebbe ben felice di mettersi a disposizione e dimostrare ai tifosi del Napoli la sua voglia di lasciare il segno in una stagione memorabile.
FONTE: CORRIERE DELLO SPORT

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©