Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

DECISO A RESTARE

CdS: "Così Pandev vuole conquistare Napoli"


CdS: 'Così Pandev vuole conquistare Napoli'
06/01/2012, 12:01

Fuori gioco Lavezzi, toccherà un'altra volta a lui, a Goran Pandev, sostituire il Pocho. E sarà la quarta volta che il macedone s'accomoderà in campo dall'inizio al posto suo. Perché Pandev da quando s'è rimesso in ordine col fisico, da quando rispetto ad agosto scorso è sceso almeno d'una taglia, è diventato il primo sostituto di quei tre davanti. Di Lavezzi, ma all'occorrenza anche di Cavani e Hamsik. Ma vinta la concorrenza di Mascara, Santana e Lucarelli, il bomber arrivato dall'Inter quasi sulla sirena del mercato estivo, non s'è accomodato sugli allori. Anzi, ci ha dato dentro con gli allenamenti per mantenere la forma ritrovata. Non un caso, dunque che nelle ultime sei gare Mazzarri l'abbia voluto ben cinque volte titolare. In campo dall'inizio, insomma. Scelta giusta e felice, se è vero come è vero che proprio nell'ultimo mese, prima della sosta, Pandev sia tornato pure al gol. Tre. Due alla Juve e uno al Genoa giusto prima degli auguri.
A PALERMO- Già, la sosta. Le feste di Natale. Per la prima volta negli ultimi undici anni Pandev non è andato via. E rimasto in Italia. A Napoli e dintorni. E s'è allenato per farsi ritrovare lucidato alla ripresa. Perché a Palermo toccherà un'altra volta a lui, promosso sul campo primo tenore assieme a Cavani e Hamsik. Stavolta, però, con un pensiero in più. Un pensiero cileno che si chiama Vargas. Perché se è vero che per il Napoli è un vantaggio poter contare anche sull'ultimo arrivato in casa azzurra, di sicuro per Pandev comincia un'altra concorrenza. Fors'anche un altro campionato. Cinque mesi per convincere il Napoli a non dirgli addio. Lui, infatti, a Napoli c'è arrivato con la formula del prestito secco con diritto di riscatto. Il che vuol dire che a fine stagione il Napoli dovrà decidere se ingaggiarlo a titolo definitivo, oppure ringraziarlo per la felice compagnia e restituirlo all'Inter. Goran Pandev, ovviamente, punta alla prima soluzione. Perché? «Perché - ha ripetuto spesso - quando mi fu proposto il trasferimento al Napoli non ci pensai manco un momento» . Perché? «Perché Goran vorrebbe continuare la sua esperienza azzurra» , aggiunge e conferma il suo manager, Carlo Pallavicino. Certo, ma il Napoli che pensa? «Ci siederemo e parleremo. Ma non ora. Non è questo il momento giusto» , racconta ancora il manager. Ed è così. La conferma - ovvero la maglia azzurra anche per le prossime stagioni - Pandev dovrà guadagnarsela sul prato. Ma se quella di Vargas diventerà subito una severa concorrenza, non è affatto detto che l'arrivo del cileno racconti sin da adesso l'addio al macedone a fine stagione. Anzi, tutt'altro, visto che ritrovata una eccellente forma, il Pandev degli ultimi tempi s'è avvicinato molto al Pandev attaccante di classe e di ragionamento dei migliori momenti della Lazio. Segno che ha avuto successo il suo impegno negli allenamenti, ma anche l'egregio lavoro dei preparatori e dei medici azzurri, che hanno restituito al Mazzarri e al Napoli un giocatore sul quale poter contare per il progetto-risalita in campionato.
LA VOGLIA- Tutto questo Pandev lo sa bene. Ecco perché con Vargas appena arrivato e già ansioso di farsi apprezzare, non vuol perdere neppure un'occasione per convincere il Napoli a tenerlo. Palermo è la prima di queste occasioni. Domenica sera contro i rosaneri toccherà ancora a lui la doppia veste di bomber e di suggeritore, di attaccante di fascia, ma anche d'area di rigore. Del resto Pandev anche del Palermo è un "vecchio" cliente. Due gol (entrambi quand'era alla Lazio) glieli ha fatti già. Roba antica, però: il primo nel 2005, l'altro nel 2008. Forse è arrivato il tempo di aggiornare i conti.
FONTE: CORRIERE DELLO SPORT

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©