Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

RASSEGNA STAMPA

CdS: "La notte è azzurra. Applausi al Napoli"


CdS: 'La notte è azzurra. Applausi al Napoli'
27/10/2011, 12:10

Il maltempo, quello della pioggia forte ed insistente, quella dei temporali che non danno scampo, si ferma giusto all'ora della gara. Quand'era già un tormento il solo pensiero di doversi mettere in fila ai cancelli inzuppati dello stadio. Meglio così. Anche se il tempo infame a quell'ora aveva fatto già i suoi danni. Bloccata la città, bloccato il lungomare - dove nonostante tutto aveva trovato il modo di fare due passi Guidolin - bloccata anche la Tangenziale che sbuca a Fuorigrotta, infatti, inevitabilmente pioggia e temporali hanno finito per scoraggiare i tifosi dell'ultimo giorno.
CHIAMATELI IRRIDUCIBILI - Intendiamoci, alla fine pure si contano poco meno di quarantamila irriducibili e bagnatissime anime azzurre sulle scale, ma quasi si perdono negli spazi ampi e sempre affollati dello stadio. Cosicché la cornice di Napoli-Udinese diventa la versione umida e ristretta, dei grandi numeri e dei ricchi incassi messi in fila dal Napoli tra campionato e Champions League in questo primo segmento di stagione. Ma tant'è: la pioggia, lo scirocco, il portafoglio che neppure può essere strizzato troppo spesso e, perché no, anche gli ultimi risultati non proprio eccitantissimi della squadra di Mazzarri, stavolta frenano la corsa della gente. Ma non la corsa al tifo, alla passione. Quelli dello zoccolo duro, infatti, non disertano comunque, non s'arrendono certo al disagio del cielo e d'un San Paolo sempre e comunque ospitale. E c'è dell'altro. C'è dell'incredibile. Molte di quelle anime, infatti, non sono andate via neppure a fine gara. Sono rimaste dalle parti dello stadio. Sonnecchiando chissà come in auto e in qualche pullman in attesa dell'apertura dei botteghini, stamattina alle 10, per assicurarsi i biglietti per il ritorno contro il Bayern.
VERSO MONACO - Quattromila i tagliandi messi a disposizione dai tedeschi al prezzo fisso di 40 euro. Cinquecento di questi prenderanno il volo subito, stamane, direttamente dal sito della Lottomatica (www.listicket.it), per gli altri tutti in fila ai botteghini (1-3 e 5) del San Paolo, armati di documento d'identità in originale e anche d'una fotocopia da lasciare là. E manco non bastasse, da stamane, in vendita anche i biglietti per Napoli-Juve del 6 novembre.
NOTTE AZZURRA - Una lunga notte azzurra, insomma, quella che s'è consumata all'ombra di Napoli-Udinese. Match che grazie ad uno striscione in curva A e ai rulli della pubblicità a bordo campo non s'è scordato certo di Marco Simoncelli. "Ciao Sic", il messaggio semplice e affettuoso che svolazza in curva a nome di tutto il popolo azzurro del pallone. "Ciao Marco, uno di noi", invece, il ricordo dello sponsor (San Carlo) che era pure sponsor del campione che non c'è più.
SI GIOCA... - Quindi la partita. Che ha bisogno delle magie del Pocho e delle cavalcate poderose di Cavani per dare alla gente un poco di "calore". Ma non è semplice. Anche se non c'è Totò Di Natale, il Napoli sa che dell'Udinese non ci si può fidare. Lo sa pure la gente, che accoglie l'invito di Mazzarri e intona cori per la squadra, con un trattamento speciale per Cavani e, ovviamente, pure per il Pocho. E Cavani e il Pocho, proprio loro, impacchettano il gol che sblocca la partita e fa esplodere di felicità lo stadio. Sì, giusto un anno dopo, Lavezzi torna al gol in casa. Addio maledizione. Per il Pocho forse comincia una stagione nuova. Ma non c'è solo lui in questa notte azzurra, ci sono le parate di De Sanctis, il raddoppio con inchino di Maggio, i sogni dei tifosi. Dietro l'angolo la sfida di Champions.
FONTE: CORRIERE DELLO SPORT

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©