Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

CdS: Napoli scatenato, Obadrovic e Mutu


CdS: Napoli scatenato, Obadrovic e Mutu
22/12/2010, 10:12

Tempo di grandi manovre in casa Napoli. Blindato Federico Fernandez, centrale dell'Estudiantes di appena ventuno anni, De Laurentiis, Mazzarri e Bigon sono ora concentrati sulle operazioni da portare a termine entro gennaio. Operazioni che partono dall'ingaggio dell'esterno di sinistro di difesa ma che non escludono altri arrivi, sempre se dovesse presentarsi l'occasione giusta. Il Napoli è quantomai vigile sul mercato, senza per questo stravolgere la sua strategia che è quella di non appesantire il bilancio, di operare con estrema oculatezza e di preservare l'armonia che si è creata all'interno dello spogliatoio. Ben venga, quindi, qualche scambio se questo dovesse portare ad un miglioramento qualitativo della rosa. Ed in tale ottica va inquadrata la trattativa con il Genoa per Kharja, con Blasi che prenderebbe il percorso inverso. Ben venga una soluzione razionale, come quella con il Bologna per Britos se il nuovo management accetti una valutazione dell'uruguagio che rispecchi il reale valore del difensore. Ma, soprattutto, ben vengano le idee intelligenti, intriganti, quelle che permettono di fare il salto di qualità, puntando sui giocatori giusti senza andare a svenarsi più di tanto. In occasione del primo scudetto della storia del Napoli, bastò prendere un calciatore dalla serie B, Francesco Romano, semisconosciuto all'epoca, per decollare in campionato. Di idee intelligenti, l'entourage di De Laurentiis, ne ha prospettate più di una: calciatori che non si sono ambientati altrove e cercano una nuova sistemazione a gennaio; elementi pur validi ma messi sul mercato per motivi di incompatibilità. Si tratta di valutare qual è la soluzione migliore per le esigenze di Mazzarri.

ECCO L'ULTIMA - Rimbalza dalla Spagna, l'ultima idea di mercato, quella davvero suggestiva e neanche tanto nuova visti i precedenti interessamenti. Da Saragozza trapela la notizia di un ritorno di fiamma del Napoli per Ivan Obradovic, esterno sinistro di difesa, 22 anni, nazionale serbo, non ambientatosi nel club spagnolo. E' sul mercato. Ed il Saragozza deve saldare la seconda rata per Contini pari ad un milione e duecentomila euro circa. Se il Napoli fa un'offerta adeguata, può davvero mettere le mani su di un elemento forte fisicamente quando abile nel far ripartire l'azione dalla sinistra. Tocca al tecnico partenopeo dire l'ultima parola. Obradovic, già convocato per il mondiale in Sudafrica, potrebbe rivelarsi un affare, nonchè una scommessa ammiccante. Impegnandosi con poco, si prenderebbe un giocatore inseguito in estate da tanti club europei, pagato dal Saragozza intorno ai quattro milioni di euro.

LA VOCE - Ieri è circolata anche una voce che ha acceso la fantasia dei tifosi napoletani: Mutu, in rotta con la Fiorentina, a Napoli in cambio di Santacroce più conguaglio in soldi. Sarebbe una grande alternativa per Mazzarri se non fosse per l'ingaggio del rumeno e del suo carattere che mal si concilierebbe con il clima idilliaco che si respira nello spogliatoio azzurro. Ma se ne parla tanto. E si fanno castelli in aria. Disporre anche di Mutu in un organico così bene assortito permetterebbe davvero al Napoli di inserirsi nella lotta per lo scudetto. Per ora resta un rumour di mercato, seppure clamoroso.

IL DESIDERIO - La pista che al Napoli piacerebbe percorrere, invece, conduce di nuovo Genoa, sponda rossoblu: Criscito in cambio di Santacroce. E' una pista che si riapre e si richiude ogni volta che avviene il contatto tra i due club. Se ne parlerà ancora, di sicuro Criscito piace al Napoli, idem Santacroce al Genoa anche se per quest'ultimo i corteggiatori non mancano, se davvero a Castelvolturno dovesse scattare la decisione di privarsi del giovane difensore a gennaio.

Fonte: Corriere dello Sport.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©