Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

UN MESE DI FUOCO

CdS: "Napoli, un marzo entusiasmante"


CdS: 'Napoli, un marzo entusiasmante'
28/02/2012, 11:02

Negli States la chiamano March Madness, la follia di marzo, e riguarda il gran finale del campionato universitario di basket, NCAA. Da queste parti, invece, si dice semplicemente che marzo è il mese pazzo. Così, per definizione. Però è anche il mese azzurro, per forza di cose. Cruciale? A dir poco. Entusiasmante, stimolante, storico (si spera): 6 partite in 22 giorni, con il Chelsea in cima alla lista e la settima fatica datata 1° aprile che, oltre alle sorti della squadra di Mazzarri, potrebbe addirittura incidere sul futuro del campionato italiano. Napoli giudice di se stesso e poi forse anche degli altri. Forse. La follia di marzo è già nell’aria.
SETTE CAMICIE - E allora, la scheda. L’elenco: si comincia domenica a Parma e sarà mezzogiorno e mezza di fuoco. Poi, venerdì 9 anticipo con il Cagliari al San Paolo in vista della trasferta del successivo mercoledì a Londra, madre di tutte le partite. Quattro giorni dopo la Champions, scontro diretto per il terzo posto – è questo che la classifica racconta oggi – con l’Udinese al Friuli, e il 21 altra sfida cruciale di Coppa Italia con il Siena al San Paolo che vale la finale. Il 25 arriva il Catania. E il primo giorno di aprile offre la sfida con la Juve a Torino. Tutto d’un fiato. Un armadio di sette camicie da sudare. Eccome.
IL CLOU - A prescindere da tutto, e dunque dal fatto che Mazzarri predica da sempre massima attenzione su ogni fronte, è difficile immaginare un clou diverso dalla sfida di ritorno con il Chelsea: a Stamford Bridge, il Napoli si giocherà una storica qualificazione ai quarti di finale di Champions League. Un traguardo mai raggiunto neanche da Diego e company.
MISSIONE BIGLIETTI - Inizialmente, stando alle indicazioni filtrate dalle forze dell’ordine, che insieme con il club azzurro stanno studiano il piano sicurezza-biglietti, la vendita sarebbe dovuta cominciare oggi o domani. Non sarà così: le nuove indicazioni parlano di giovedì o venerdì. E non è un ritardo, Tra campionato, Champions League e Coppa Italia, sette partite decisive in ventotto giorni: il clou a Londra per la super-sfida di ritorno col Chelsea bensì una scelta motivata: il Napoli, infatti, sta provando a ottenere dal Chelsea una scorta di tagliandi più cospicua rispetto a quella già ricevuta in dotazione. Una missione difficile, molto difficile, però il Napoli ci sta provando perché le richieste pervenute sono superiori di molte migliaia rispetto ai 2.900 biglietti messi a disposizione dal Chelsea.
NATALE CALCISTICO - Se Londra è il clou del programma, il sottoclou, tanto per mutuare un gergo pugilistico, è difficile da scegliere: perché c’è la semifinale di ritorno di Coppa Italia con il Siena, sì, ma anche le sfide di campionato, con tanto di scontro diretto a Udine, che valgono tanto. Tantissimo: se è vero che certi risultati di coppa aprirebbero le porte dell’Europa League, è sacrosanto che il terzo posto significherebbe Champions. Che ha stregato Napoli e il suo popolo. Che ogni volta viene vissuta con lo spirito del Natale (calcistico): un’esperienza sempre diversa, sempre unica.
FONTE: CORRIERE DELLO SPORT

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©