Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LE TRE SOLUZIONI

CdS: Rossi-Napoli, ecco il piano di De Laurentiis


CdS: Rossi-Napoli, ecco il piano di De Laurentiis
12/08/2011, 11:08

Il presidente De Laurentiis studia diverse soluzioni per avere l'attaccante della nazionale azzurra. 1) Subito se parte Lavezzi 2) A gennaio se il Pocho resta 3) Opzione per giugno 2012. La cessione di Lavezzi non è per niente facile perché ha una clausola rescissoria di circa 32 milioni di euro. C’è anche la possibilità della coppia “fantasia” (il Pocho più Pepito) se la squadra sarà nella corsa allo scudetto.
Esiste un piano del Napoli per arrivare a Pepito Rossi, il bomber italo-americano, costretto ad emigrare prima in Inghilterra (Manchester Utd e Newcastle) e poi in Spagna, (Villarreal), per sfondare nel calcio internazionale ed approdare alla nazionale di Prandelli. Se le big del nostro campionato per mera miopia non ci hanno provato, vuole provarci una società emergente, guidata da un presidente eccitato dalle imprese impossibili, lungimirante e ambizioso, nonché scortata da oltre sei milioni di tifosi sparsi per il mondo.
Il Napoli sa di poterselo permettere. È tra i club più virtuosi d’Europa. Ma nello stesso tempo, spera di trattenere Lavezzi, di poter contare ancora sulle sue serpentine devastanti. Almeno per un altro campionato. Il piano di De Laurentiis prevede tre soluzioni, ognuna legata ad una condizione ben precisa.
Eccole: a) Il Napoli si fionderebbe su Rossi subito nel caso in cui un club italiano o straniero presentasse un’offerta economica per Lavezzi pari alla clausola rescissoria fissata nel suo contratto (32 milioni di euro); b) De Laurentiis tornerebbe alla carica per Pepito a gennaio se gli azzurri dovessero trovarsi in lotta per lo scudetto; c) rilevarlo a giugno del 2012 per potenziare un organico che si sta allineando a quello dei top team (attualmente già 10 nazionali). Ormai è palese che l’azzurro nato nel New Jersey piaccia così tanto a De Laurentiis da averlo voluto conoscere al telefono; averne parlato già con il presidente del Villarreal, Fernando Roig; ed aver fatto interpellare anche il suo procuratore, Federico Pastorello.
FONTE: CORRIERE DELLO SPORT

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©