Sport / Basket

Commenta Stampa

Centro Serapide sconfitto a Foggia


Centro Serapide sconfitto a Foggia
19/04/2010, 12:04

FOGGIA. Desiato 2, Alvisi 2, Ferramosca, Magnani 8, Castoro 5, Padalino 5, Bruno 2, Toppino 21, Chirico 18, Marmugi 10.

Coach Leonetti.





CENTRO SERAPIDE POZZUOLI: Innocente, Barbieri 2, Scorrano 17, Regio 16, Velocci 2, Andrè 6, Errico 2, Porta 9, Ancellotti , Di Costanzo ne.

Coach Pepe.



ARBITRI: Luca Santilli di Recanati (Mc) e Marco Vittori di Castorano (AP).

PARZIALI: 16 – 20, 29 – 31, 50 – 40.

USCITI PER FALLI: Andrè (CSP).



Foggia infausta anche nella fase ad orologio. Al PalaRusso i rossoneri superano 75–63 il Centro Serapide che, senza Di Napoli (infortunato) tiene testa per 22° (34–33).

Partenza bruciante dei gialloblù con Scorrano e Regio subito a bersaglio (0–4 al 1°). Marmugi accorcia le distanze con una tripla, ma con la stessa moneta Porta e lo stesso play allungano (3–10 al 2°). L’ex Chirico (schiacciata) e Toppino provano a fermare l’emorragia, ma le palle perse sono troppe (5). Il merito è della buona difesa dei campani che, con i 3 cestisti fin qui menzionati, volano sul +8 (8–16 al 6°) costringendo coach Leonetti al primo time out della serata. Al rientro in campo pugliesi più determinati in difesa, calano le percentuali realizzative dei viaggianti. Crescono quelle dei padroni di casa con Marmugi (2) e Toppino (6) su tutti: 16–18 al 9°. Di Scorrano il canestro da sotto che chiude il periodo sul 16–20.

Si segna meno in avvio di secondo quarto con entrambi gli allenatori che ricorrono a diverse sostituzioni per smuovere gli equilibri (18–24 al 13°). La bomba di Scorrano vale il +9 (18–27), ma da sotto Padalino, Bruno e Castoro rispondono immediatamente. E’, però, Magnani ad impattare con una tripla a quota 27 al 16°. Falli e palle recuperate dominano la scena nei successivi giri di lancette con i liberi di Anceltotti che sparigliano le carte (29–31 al 20°).

Dopo un iniziale batti e ribatti (34–33 al 22°), la difesa rossonera sale di tono facendo calare le percentuali realizzative degli avversari. In attacco Chirico (3), Castoro (3), Desiato (2) fissano il 42–33 del 25° (8–0 il parziale). Dalla lunetta Ancellotti muove nuovamente lo score dei partenopei puniti, però, dalla cinquina di Chirico (47–36 al 26°). Retine immacolate per alcuni possessi prima dei canestri di Porta, Ancellotti e Padalino (50–40 al 30°).

Il distacco è importante, ma gli ospiti vogliono crederci ancora. Purtroppo, però, in avvio d’ultima frazione ad ogni loro canestro i contendenti rispondono con una tripla ed il divario al 32° è leggermente più ampio (56–44). Migliora un po’ la fase difensiva dei puteolani, non quell’offensiva con il tecnico che preferisce parlare con i suoi giocatori (56–46 al 34°). Alla ripresa delle ostilità il Centro Serapide va a bersaglio più dalla lunetta che dal parquet come, invece, fanno i foggiani con Marmugi (5), Toppino (6), Chirico (2): 69–54 al 37°. Una cinquina di Regio riduce il divario (69–59), ma non basta. Finisce 75 – 63.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©