Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Cesari: "Rigore inesistente, ecco perchè..."


Cesari: 'Rigore inesistente, ecco perchè...'
01/03/2011, 16:03

A Radio Crc è intervenuto Graziano Cesari, ex arbitro internazionale ed attuale opinionista di Mediaset Premium: “Ci sono tre punti nodali per i quali il rigore non doveva essere assegnato: il primo è il rimpallo di Ibrahimovic su Cannavaro, il quale era in vantaggio sull’attaccante rossonero e si apprestava a colpire il pallone di testa, dopo di che Ibrahimovic ha appoggiato la mano sulla schiena e con la gamba destra ha commesso il fallo sul corpo di Cannavaro. Il secondo episodio è il tentativo di rovesciata di Flamini che deve essere considerato come gioco pericoloso, e pertanto doveva essere punito con un calcio di punizione, e il terzo episodio riguarda il braccio di Aronica che non è sicuramente un gesto volontario. La differenza tra le due squadra è apparsa evidente, e l’abitudine a giocare partite del genere ha premiato la squadra di casa, ma l’episodio del rigore ha certamente influito, facendoti perdere lucidità. Credo però che il Napoli avrebbe perso comunque, a prescindere dall’arbitro. Si è parlato negli ultimi giorni di un paragone tra Cavani ed Ibrahimovic. Guardando la partita di ieri, senza nulla togliere a Cavani, credo che lui e Ibra siano distanti anni luce. Purtroppo Cavani ieri non è stato mai servito dai compagni di squadra, e secondo me, ha fatto una buona partita perché è stato lui ad andare ad aiutare i compagni di squadra. Credo che con Lavezzi in campo questa partita avrebbe preso un’altra piega, ne sono sicuro. Il Napoli non deve interrompere un sogno, secondo me si vive alla giornata ed è un campionato talmente imprevedibile che nessun sogno è irrealizzabile”.

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©