Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Che Napoli sarà senza Cavani e Mazzarri?


.

Che Napoli sarà senza Cavani e Mazzarri?
14/05/2013, 13:22

Dopo aver acquisito tante certezze nel corso di questa straordinaria stagione, nella mente dei tifosi azzurri cominciano a insinuarsi numerosi dubbi: dubbia è la permanenza di Mazzarri all’ombra del Vesuvio come pure dubbia appare quella di  Edinson Cavani, sempre più lontano da Napoli a meno di sorprese eclatanti. Tanti sono i nomi sul taccuino di De Laurentiis e Bigon per sostituire tecnico e attaccante. Incassati i “no” categorici di Guidolin e Allegri che hanno espresso la loro volontà di rimanere nelle rispettive squadre, una delle ipotesi più verosimili sarebbe quella di Rafa Benitez sulla panchina azzurra, un allenatore che conosce il calcio italiano, ha infatti allenato l’Inter del post-Mourinho e ha una grande esperienza in coppe europee (vinse la Champions League con il Liverpool nel 2005). L’arrivo di Benitez potrebbe garantire il salto di qualità alla squadra azzurra anche se giocare con il 4-2-3-1 implicherebbe non certo pochi sacrifici da parte dei giocatori partenopei, ormai abituati al 3-5-2 di Mazzarri. Altro nome caldo che infiammerà il toto-allenatori è in realtà una vecchia fiamma del Napoli, Roberto Di Matteo. Bigon aveva contattato l’autore dell’eliminazione degli uomini di Mazzarri dalla Champions già in tempi non sospetti ma ora potrebbero verificarsi le condizioni per un suo arrivo sulla panchina azzurra. L’outsider del dopo-Mazzarri però si chiama Marcelo Bielsa che, in scadenza di contratto con l’Athletico Bilbao, potrebbe arrivare a Napoli. Il cambio di allenatore di certo influirà sulle scelte del mercato di giugno. Il pallino fisso di De laurentiis rimane sempre il centravanti della Fiorenina, Stevan Jovetic. Il montenegrino è corteggiato anche dalla Juventus ma i rapporti dei Della Valle con De laurentiis sono di certo migliori rispetto a quelli con gli Agnelli. Anche Osvaldo è tra i papabili sostituti di Cavani. É un nome che piace a Mazzarri ma il probabile approdo dell'allenatore a Roma, l’affare si complicherebbe o comunque costituirebbe uno sgarbo da parte del patron del Napoli verso il suo ormai ex allenatore

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©