Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LO SCRIVE LA GAZZETTA

Chelsea allo sbando, Benitez erede di Villas Boas?


Chelsea allo sbando, Benitez erede di Villas Boas?
04/03/2012, 09:03

Due modi diversi per avvicinarsi alla Champions e alle sfide con Milan e Napoli: l’Arsenal sbanca il campo del Liverpool con una doppietta di Van Persie, mentre il Chelsea incassa in casa del West Bromwich l’ennesima sconfitta di una stagione sciagurata. In copertina, a furor di popolo, c’è sempre lui, Villas Boas: il suo esonero può essere questione di ore. Adesso il pallino è nelle mani di Abramovich. La maggior parte dei giocatori e i dirigenti hanno scaricato il portoghese. Tocca all’oligarca russo decidere il destino dell’allenatore strappato al Porto pagando una cifra record. I numeri sono impietosi: Villas Boas ha la peggiore media dell’era di Abramovich. E’ riuscito a far peggio di Scolari, il peggiore tra i tecnici dei Blues dal 2003 a oggi. Ieri è stato anche sfortunato, perché Sturridge ha divorato un paio di occasioni, ma la rete diMcAuley all’82’ ha condannato il Chelsea alla settima sconfitta in campionato. Villas Boas si è affidato alla vecchia guardia, con Essien, Cole, Lampard e Drogba, ma è troppo tardi. Al quinto posto, a rischio eliminazione in Champions col Napoli e costretto martedì a ripetere a Birmingham la gara di Coppa d’Inghilterra, il Chelsea è allo sbando. Villas Boas sa di avere le ore contate e le dichiarazioni rilasciate ieri dopo la partita, con il viso stravolto, posso essere il suo testamento: «Il Wba è stato superiore, ha meritato di vincere. Dobbiamo migliorare del 300%». Il suo erede è già pronto: Rafa Benitez. Nella serata di ieri la stretta con lo spagnolo.

Van gol L’ennesimo capolavoro di Van Persie ha permesso all’Arsenal di consolidare il quarto posto e di rifilare al Liverpool la prima batosta stagionale all’Anfield. I Reds hanno dominato nel primo tempo, fallendo un rigore con Kuyt—bravissimo Szczesny — e passando in vantaggio su autorete di Koscielny, ma una distrazione di Carragher ha permesso all’Arsenal di pareggiare. Un palo di Suarez ha aumentato i rimpianti del Liverpool, che non meritava di perdere. Uno scontro di gioco tra Henderson e Arteta ha spaventato tutti: lo spagnolo, che ha perso conoscenza ed è uscito con la maschera dell’ossigeno, ha riportato una commozione cerebrale e la frattura della mandibola. Nel finale, Wenger ha buttato nella mischia Gervinho e Oxlade-Chamberlain: mosse azzeccate, i Gunners hanno messo alla frusta i Reds. Nel primo degli 8’ di recupero, il sigillo di Van Persie: assist di Song e sinistro al volo dell’olandese. Ciao Liverpool, Van Persie sempre più capocannoniere: 25 gol, un’enormità.

FONTE: GAZZETTA DELLO SPORT

Commenta Stampa
di Luigi Russo Spena
Riproduzione riservata ©