Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Cherubini: "Dossena meritava di segnare"


Cherubini: 'Dossena meritava di segnare'
04/04/2011, 13:04

A Radio Crc è intervenuto Marco Cherubini, giornalista di Mediaset:
“La partita contro la Lazio è stata un’emozione indescrivibile. Sono rimasto sorpreso della reazione del Napoli sul 3-2. Sembrava una partita stregata. Ho colto per la prima volta in Mazzarri uno sguardo zittito da un inizio di partita nera invece i calciatori azzurri hanno dimostrato di reagire alla grande. Non ci sono più aggettivi per descrivere Cavani, è strepitoso. La cosa incredibile della stagione di Edinson è che il periodo di calo che ha avuto non gli ha restituito quel senso di calma e pacatezza che contraddistingue i ragazzi della sua età, ma gli ha dato la rabbia e la forza di ripartire alla grande. Cavani sembra un quarantenne, trasmette entusiasmo ed è un grande calciatore. Mi stupisco delle qualità tecniche e caratteriali del bomber del Napoli. Non è solo un attaccante, corre continuamente e si dà da fare per aiutare i suoi compagni. Dossena nel primo tempo ha fatto due o tre tagli eccezionali sulla sinistra ma non è stato supportato dai suoi compagni. Per fortuna poi è riuscito a segnare, se lo meritava. I panchinari in genere non sono felici, c’è la rabbia per non giocare ma ieri la panchina azzurra era solidale con i calciatori in campo e gli dava forza. Tutti i calciatori azzurri sono professionisti seri. Il Napoli con questo modo di giocare e con questo affiatamento del gruppo può fare grandi cose. I ragionamenti del lunedì sono legati a quello che succede il giorno precedente. Sette partite dalla fine sono tante, il campionato è ancora aperto a qualsiasi risultato. L’Inter ha dimostrato momenti di mancanza di personalità, ma sono stati episodi. Ieri ho visto un Napoli determinato, non si è mai arreso. La parola d’ordine dello spogliatoio è battere il ferro finché è caldo. Il Napoli deve continuare a tenere duro. Penso che il Milan sia più fragile rispetto all’Inter, questo Napoli invece è solido e forte”.

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©