Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LO SCRIVE IL MATTINO

Chiesa: "Al Franchi sarà un match spettacolare"


Chiesa: 'Al Franchi sarà un match spettacolare'
22/01/2012, 10:01

"Sarà uno spettacolo al Franchi". Parola di uno dei primi 32 bomber nella storia del calcio italiano, Enrico Chiesa, 138 gol in serie A. Gli ultimi li ha segnati con il Siena. "Seguirò la partita con il Napoli. Porto bene, ho sempre visto vincere la squadra di Sannino. Facciano attenzione gli azzurri". Ovviamente non al potere taumaturgico dell'ex nazionale, già partner di Mancini e Batistuta, ma alla consistenza del Siena.

A cosa deve fare attenzione il Napoli?

"All'organizzazione e al carattere del Siena, che ha colto risultati importanti, come il 4-0 sulla Lazio, e ha sempre affrontato le grandi a viso aperto. La forte motivazione aumenta quando si gioca in casa, quindi il Napoli dovrà offrire un'eccellente prova sul piano della tattica e della corsa: servirà la prova perfetta per vincere".

Il Siena si presenta in formazione rimaneggiata, però ha attaccanti di valore, Calaiò e Destro

"La squadra gioca bene al di là degli uomini che schiera. Sarò al Franchi perché sono convinto di assistere a un match interessante sotto l'aspetto tattico, forse con due moduli speculari, se il Siena presenterà il 3-5-2".

Da neo allenatore, si è chiesto perché il Napoli fa più fatica in campionato che in Champions?

"Recentemente ho assistito a Chelsea-Aston Villa a Londra: il calcio inglese genererà pure entusiasmo, però è inferiore al calcio italiano sotto l'aspetto tecnico e tattico. Ecco il punto, il Napoli trova difficoltà in Italia proprio per questo motivo e poi è conosciuto dalle avversarie. Peraltro riuscire a mantenere la stessa condizione fisica, passando dagli impegni di Champions a quelli in campionato, non è facile. Ecco perché Mazzarri sta facendo un lavoro straordinario".

Un anno fa lei è stato "a lezione" da lui

"Sì, come iscritto al corso allenatori di Coverciano sono stato con i colleghi anche a Castevolturno, seguendo da vicino il sistema di lavoro del Napoli. Si vede anche negli allenamenti che Mazzarri è un uomo che bada al sodo e per questo ottiene grandi risultati con il supporto della squadra e della società".

Però il vertice della classifica è distante e un'ottima chance è stata sprecata contro il Bologna al San Paolo

"Ho visto la partita di lunedì in tv: effettivamente sono stati punti persi. Ma davanti c'è l'intero girone di ritorno, il Napoli può realizzare una serie positiva come ha fatto l'Inter e risalire. Deve sfruttare il mese che lo separa dal primo appuntamento di Champions perché i due match con il Chelsea assorbiranno molte energie".

Mazzarri può contare su tre attaccanti d'altissimo livello, oltre ad Hamsik, dopo il recupero di Pandev

"Goran ha grande tecnica e grande capacità realizzativa. Una certezza, il dodicesimo giocatore a disposizione dell'allenatore".

A Siena è annunciata nuovamente la sua presenza al posto di Lavezzi

"Lavezzi per il Napoli è come Ibrahimovic per il Milan: a un giocatore di questo livello puoi rinunciare per una o due partite, poi comincia ad essere un problema. Lavezzi è fondamentale per il gioco di Mazzarri, che si affida alle sue invenzioni per stroncare le difese: l'argentino sa saltare l'uomo e fare questo, nel calcio di oggi, significa mezzo gol".

A fare i gol "interi" provvede Cavani

"E' uno dei più forti attaccanti al mondo perché ha continuità. Un calciatore può fare quattro gol in una partita, ma se poi si ferma qui? Cavani è straordinario sotto questo aspetto. E, se non è in giornata, è comunque prezioso perché sa essere un centrocampista o un difensore aggiunto"

FONTE: IL MATTINO

Commenta Stampa
di Luigi Russo Spena
Riproduzione riservata ©