Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

VOTI E COMMENTI

Chievo-Napoli, le pagelle


Chievo-Napoli, le pagelle
22/09/2011, 02:09

De Sanctis 6 - Rimane il dubbio che potesse chiamare la palla sull'erroraccio di Fideleff, ma non ci sentiamo di criticarlo. Gran parata sull'indiavolato Moscardelli.

Fideleff 4,5 - Peccato. Aveva giocato bene, mostrando personalità e sicurezza. Queste stesse qualità forse gli hanno causato quel rinvio ciccato clamorosamente che grida ancora vendetta.

Aronica 6 - L'impostazione non è il suo forte, si divincola bene nelle occasioni nelle quali è chiamato in causa.

Fernandez 5 - L'argentino parte benino, poi si perde in un pantano di errorri, affanno e rincorsa degli avversari.

Maggio 6 - Un affaticamento muscolare lo mette fuori causa in un momento importante del match. Spinge, ma non incide.

Dzemaili 5 - Finora ha giocato meglio da subentrato. Non trova il passo, sbaglia molto e finisce fuori ruolo dove non incide.

Gargano 6 - Benissimo nel primo tempo, cala vistosamente alla distanza insieme al resto della squadra. Rispetto all'anno scorso è un altro giocatore.

Zuniga 6,5 - Un tiro sballato è probabilmente l'unico errore in una buona partita. La sua duttilità sarà importante per il Napoli.

Mascara 4,5 - Impalpabile, insieme ai compagni di reparto potrebbe partecipare a Chi l'ha visto. Unico acuto un colpo di testa/schiena che sorvola di poco la traversa.

Santana 5 - Un paio di spunti nel primo tempo, non è in condizione ma ci prova. I suoi compagni di reparto meritavano più di lui la sostituzione.

Pandev 4,5 - Condizione fisica scadente, idee zero e un tocco di palla a volte irritante. Mazzarri gli concede di rimanere in campo per tutto il match.


I SUBENTRATI

Inler 5 - Entra nervosissimo, indovina solo un lancio sbagliando tutti gli appoggi elementari e rischia clamorosamente l'espulsione.

Cavani 5,5 - Ci prova, ma il Chievo è chiuso a riccio e non gli concede praticamente nulla. Almeno ci mette un po' mordente.

Hamsik s.v.

 

Mazzarri 4,5 - Facile parlare col senno di poi, ma l'esperimento (che il tecnico vuole riproporre) è miseramente fallito. Troppo ampio il turn-over, giocatori fuori condizione e senza mordente. L'ordine tattico e la mole di gioco stasera sono stati insufficienti. Il tecnico livornese avrà modo di gestire meglio le forze dei titolari e dei gregari. Santana meritava la sostituzione meno di Pandev e Mascara. Gargano poteva prendere il posto di Maggio sulla destra (Reja qualche volta lo ha provato lì a partita in corso) invece di uno spaesato Dzemaili. Serata da dimenticare in fretta.

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©