Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

IL GIOCO DELL'ESTATE

Ci sono un argentino, un brasiliano e un italiano


Ci sono un argentino, un brasiliano e un italiano
17/06/2010, 00:06

Il nuovo gioco dell'estate 2010? Accosta anche tu il nome di un attaccante alla maglia del Napoli. Se indovini quello giusto non vinci assolutamente nulla. Ogni giorno uno nuovo, ogni giorno sembra fatta, ogni giorno arriva la puntuale smentita. "Siamo una piazza gradita", ha detto Bigon. A quanto pare talmente gradita che sono almeno una decina, e il mercato non è neanche iniziato, gli attaccanti che potrebberro calcare il prato del San Paolo. Toni, Pazzini, Acquafresca, Floccari, Maccarone, Matri: questo solo per citarne alcuni, o solo alcuni degli italiani. Dall'estero hanno prima fatto capolino e poi sono spariti: Suarez, Carodozo, Barrios, Cavani, Adriano e per qualche ora addirittura Sergio "Kun" Aguero. Fantacalcio o trattative condotte in segreto e per le quali il Napoli si sta ancora muovendo? Magari alla fine uno di questi arriverà, questo lo sa solo Bigon.
Adesso sembra che il cerchio si sia ristretto a tre nomi: Maxi Lopez, Fred e Gilardino. Un argentino, un brasiliano e un italiano: sembra una barzelletta, ma tutti i tifosi sperano, ovviamente, di no.
L'argentino continua a lanciare messaggi d'amore a squadra e città, ma oggettivamente i quasi 20 milioni chiesti dal Catania sono troppi per un attaccante che in questi sei mesi ha dimostrato si di essere forte, ma è pur sempre una scommessa vista la precedente parabola discendente avuta in precedenza a causa di problemi fisici e non solo.
Il brasiliano invece, secondo tutti la trattativa più vicina alla chiusura, ha esperienza di campionati e competizioni europee con il Lione, ma un grandissimo bomber, onestamente, non lo è mai stato. Dal Brasile intanto continuano ad arrivare smentite e dichiarazioni di incedibilità. E' arrivato alla Fluminense a parametro zero e per strapparlo alla squadra brasiliana servono tra i 12 e i 14 milioni di euro. La cifra è alta per uno che difficilmente potrà essere quell'attaccante da 20 gol tanto cercato. Infine c'è lui, l'italiano, molto probabilmente l'unica certezza tra i tre, l'unico per cui varrebbe la pena spendere un pò di soldi in più. Presunti incontri segreti, cifre astronomiche e pronte smentite da parte di procuratori forse solo nervosi per non essere stati interpellati per primi. L'italiano i gol li fa fare, li ha sempre fatti e li farà anche l'anno prossimo, bisogna solo capire con quale maglia. Lui, senza ombra di dubbio, è uomo da 20 gol a stagione.
Sarà uno di questi tre il bomber del futuro? O magari Bigon ci sorprenderà facendo vestire la maglia azzurra ad uno dei centravanti nominati in precedenza? O magari andrà prendere qualcuno il cui nome sino adesso non è mai stato tirato in ballo? Quello che è certo è che il Napoli non starà con le mani in mano. Il mercato ancora deve iniziare, è presto per tirare le somme. E' vero, bisogna cedere, c'è bisogno di far cassa, ma i sogni di gloria di De Laurentiis, la serietà di Bigon e la voglia di Mazzarri di ottenere sempre il massimo faranno si che un bomber arriverà. Il nuovo gioco dell'estate 2010 non è ancora finito, di nomi ne leggeremo ancora tanti e tanti saranno quelli che proverano ad indovinare quello giusto. Manca tanto, ma la speranza è che alla fine a vincere sia soprattutto il Napoli.

Commenta Stampa
di Marco Marino
Riproduzione riservata ©