Sport / Vari

Commenta Stampa

CICLISMO: IMPRESA DI SELLA AL GIRO, CONTADOR IN ROSA


CICLISMO: IMPRESA DI SELLA AL GIRO, CONTADOR IN ROSA
26/05/2008, 11:05

Cominciano a mancare gli aggettivi per descrivere quello che sta facendo Emanuele Sella al giro. Dopo l'impresa di sabato, con una tappa perennemente in fuga e arrivo in solitario, ieri ha fatto il bis, con una gara fantastica.

La tappa va da Arabba al passo Fedaia. Partenza a 9 Km. dal primo Gran Premio della Montagna, sul Pordoi. Pronti, via e c'è il primo scatto: Sella, Baliani e Rodriguez, che staccano il gruppo e arrivano in questo ordine al Pordoi, con 1'56" di vantaggio su un gruppo che comprende i migliori, tra cui Contador. La maglia rosa Bosisio già passa con 4'45" di ritardo. Sul Giau, il secondo Gran Premio della Montagna, Sella è sempre in testa, con un vantaggio sul gruppo di Contador che resta intorno ai due minuti. Prima del Falzarego, i tre in fuga vengono raggiunti da Nibali e Perez Culapio. In cima al Falzarego i due, forse perchè ancora stanchi, perdono un minuto, rispetto ai primi tre. La discesa successiva permette un nuovo riaggancio, e così i cinque arrivano insieme all'inizio dell'ultima salita, quella del passo Fedaia. Ma la discesa è micidiale per Piepoli, che cade ed è costretto al ritiro. All'ultima salita Sella scatta di nuovo, ma nessuno degli altri ha la forza di seguirlo. Così la maglia verde arriva per la seconda volta consecutiva da solo, cosa che non succedeva al Giro d'Italia dal 2005, dove l'impresa la fece il colombiano Parra, o dal 1999, quando fu "il pirata" Pantani a vincere due gare consecutive. Dietro di lui, Domenico Pozzovivo a 2'05". Bosisio, crollato durante la gara, è arrivato a 14'45", ha perso la maglia rosa a favore di Contador.

In classifica generale, la maglia rosa è passata sulle spalle di Contador, con 33" di vantaggio su Riccò e 55" su Di Luca. La maglia ciclamino resta sulle spalle di Bennati, con 51 punti di vantaggio su Riccò. La maglia verde è sulle spalle di Emanuele Sella, che l'ha vinta quasi matematicamente, grazie alle due tappe, di sabato e di domenica. La maglia bianca è di Riccò, con 2'17" di vantaggio su Van Der Broeck e 4'11" su Nibali.

Oggi c'è la cronoscalata, da San Vigilio di Marebbe a Plan de Corones, di 12,9 Km. tutti in salita, con pendenze che raggiungono il 24%.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©