Sport / Calcio

Commenta Stampa

Un raptus dopo l'espulsione, fermato dai compagni

Cile: 27 giornate di squalifica per aver strozzato l'arbitro



Cile: 27 giornate di squalifica per aver strozzato l'arbitro
21/07/2010, 14:07

CILE - La partita è quella di domenica scorsa tra Deportes Concepcion e Rangers, due squadre della serie B cilena, con i padroni di casa che stanno vincendo. Ad un certo punto un'azione brutta, ma che nel calcio c'è: un giocatore scende sulla fascia, Josè Pedrozo interviene con un brutto fallo in scivolata e falcia l'avversario. Arriva l'arbitro per estrarre il cartellino rosso, si dirige verso il colpevole, mentre gli altri giocatori protestano. E fin qui tutto normale. Meno normale è il comportamento di Pedrozo, che scivola dietro l'arbitro e gli fa una perfetta "cravatta" da dietro le spalle, stringendogli la gola. Sono gli stessi compagni di Pedrozo a fermare il giocatore, che poi riprova ad aggredire l'arbitro, fermato solo da un altro compagno, con un ottimo placcaggio degno del rugby.
Il referto dell'arbitro ovviamente non è stato leggero. E così Pedroso è stato squalificato per 2 giornate per il fallaccio commesso, 5 giornate per la tentata aggressione (quella fermata) e 20 giornate per il tentativo di strangolamento, per un totale di 27 giornate, praticamente una stagione di stop. Sperando che un anno di stop dai campi ufficiali sia una giusta lezione per far sbollire certe teste.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©

Correlati

22/07/2010, 09:07

Mercato, scambio Ibra-Kakà