Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Ciro Pizzo all'arrembaggio del Trofeo Inverno


Ciro Pizzo all'arrembaggio del Trofeo Inverno
18/11/2009, 20:11

Il Trofeo Inverno nel prossimo fine settimana giunge alla fase finale, con la terza prova in calendario. La pista del Levante di Binetto, in provincia di Bari, ospiterà i piloti per l’ultimo atto di una manifestazione che ha visto sin dalle prime edizioni partecipare i futuri campioni del motociclismo. Nella classe 125 Sp è il Ciro Pizzo a comandare la classifica, grazie a due splendide vittorie. Il napoletano domenica vorrebbe confermare quel detto che recita “non c’è due senza tre”: “Sarà – racconta Pizzo – una prova molto impegnativa, perché avrò puntati addosso gli occhi di tutti. Affronterò la gara con lo stesso spirito di quelle precedenti, cioè lottare per vincere. Nel mondo delle gare, però, la determinazione non è tutto, e se qualcosa non dovesse andare per il giusto verso, mi regolerò di conseguenza per portare a casa il titolo. Il tracciato è tra i miei preferiti, perché la mia guida aggressiva si sposa bene con l’andamento delle sue curve. Per andare forte occorre avere molta velocità in curva, e per riuscirci occorre avere un assetto che ti permetta di farla scorrere molto durante la loro percorrenza. Importante è anche l’aspetto della potenza, perché sul lungo rettilineo se non si hanno tanti cavalli sotto il serbatoio, vedi gli avversari sverniciare le tue carene”. L’asso di Casoria ha avuto modo di provare durante i turni di prova del Trofeo, una Honda Cbr 600 Rr, per saggiare le differenze di guida che esistono tra la cilindrata del presente, e quella del futuro: “A dire il vero – confessa – la 600 la porto come una 125, e questo credo mi avvantaggi molto, perché consumo di meno le gomme, e non mi affatico tanto. Per me la 600 non è una novità assoluta, perché in passato ho già svolto dei test con moto di questa cubatura. L’anno prossimo mi piacerebbe gareggiare nella classe 600 Stock del Civ, ma prima voglio conquistare il titolo di campione d’Inverno della 125”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©