Sport / Vari

Commenta Stampa

CIRO PIZZO: CAMPIONE SULLE 2 RUOTE A 14 ANNI


CIRO PIZZO: CAMPIONE SULLE 2 RUOTE A 14 ANNI
13/10/2008, 08:10

 

Dopo aver vinto tutto negli avvincenti trofei organizzati dal gruppo Malossi, il napoletano Ciro Pizzo ha deciso quest’anno di cimentarsi nei difficili campionati della Coppa Italia e della Mototemporada, alla guida di un’Aprilia 125. L’apprendistato non è stato semplice, ma Pizzo ha saputo abbinare il talento del suo polso destro alla virtù dei forti: la pazienza. I risultati non sono tardati ad arrivare, e nell’ultima gara disputatasi sul tracciato di Misano, il quattordicenne del Nuovo moto club Napoli ha colto la decima piazza nella sfida della Coppa Italia, ed un bel quinto nella Mototemporada. “ Nella gara della Coppa Italia – dice Ciro – a tre giri dal termine ero settimo, ma un errore di valutazione in una frenata mi ha fatto perdere contatto con i primi. In quella della Mototemporada mi ha penalizzato la rottura del motore durante il turno di qualifica, ed in griglia sono partito arretrato. Risolto il problema – continua il pilota di Casoria – mi sono concentrato sulla gara, e grazie ai punti conquistati sono secondo nella classifica Under 15”. A fare da chioccia al piccolo Ciro è il papà Tony, che ha trasmesso al figlio la passione per le moto e per tutto quello che gira attorno alle due ruote: “La sua esperienza – ammette Pizzo junior – mi è d’aiuto soprattutto nella lettura della gara. E’ un bravo tecnico, e si sente quando il motore ha ricevuto le sue cure. In questa stagione ho voluto semplicemente affacciarmi in un mondo che adoriamo, per muovere i primi passi con una moto vera. I momenti più belli sono le lunghe chiacchierate che facciamo quando partiamo con il camper per raggiungere le piste. Più dei risultati m’interessa avere un buon passo di gara per stare nel gruppo di testa. Se in parte posso già farlo – conclude – è merito anche del supporto di mio padre, che non smetterò mai di ringraziare”.

Commenta Stampa
di Alfredo di Costanzo
Riproduzione riservata ©