Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Citroen. Il Campionato Italiano Rally entra nel vivo,


Citroen. Il Campionato Italiano Rally entra nel vivo,
16/05/2012, 11:05

Il Campionato Italiano Rally entra nel vivo, questo fine settimana a Cingoli, nelle Marche: Simone Campedelli, Danilo Fappani e la Citroën DS3 R3 affronteranno la prima delle loro due sfide su fondo sterrato andando alla ricerca della terza vittoria. Citroën Team Italia vede entrare decisamente nel vivo la stagione del Campionato Italiano Rally Junior con la terza prova stagionale, la prima su fondo sterrato, in programma con il 19° Rally Adriatico, previsto questo fine settimana a Cingoli (Macerata), il celebre “balcone delle Marche”. Dopo i successi di categoria ottenuti al Rally del Ciocco ed al Rally 1000 Miglia, l’equipaggio ufficiale composto da Simone Campedelli e Danilo Fappani, con la loro Citroën DS3 R3 affronteranno la terza sfida stagionale con l’obiettivo di siglare il poker di successi. Sulla scorta anche dell’esperienza del 2011 con la Citroën DS3 R3, che nelle gare su terra ha dimostrato una elevata competitività ed affidabilità (tre vittorie di categoria su altrettante gare), Campedelli e Fappani cercheranno una nuova soddisfazione, indubbiamente utile per aggiungere punti pesanti per l’economia del Campionato oltre che per primeggiare tra le vetture a due ruote motrici. Un ruolo determinante lo giocheranno, in questo caso, gli pneumatici Pirelli. Sinora hanno dimostrato di assecondare al meglio le sensazioni che la vettura trasmette all’equipaggio, un valore ggiunto per ambìre anche alla top ten assoluta contro le trazioni integrali.

I COMMENTI DEL TEAM
Simone Campedelli (pilota ufficiale Citroën Team Italia) : “Arriva il fondo sterrato, sul quale ho sempre avuto un buon feeling. Sulla terra mi sono costruito un’esperienza importante e tornarvi a correre è sempre stimolante. La gara avrà certamente prove speciali di elevato livello tecnico ed anche molto selettive, in prevalenza il fondo è duro ma non sempre compatto, questo ci obbligherà a prestare la massima attenzione per preservare la meccanica e le gomme. Cercheremo una nuova soddisfazione, certo, ritrovare la terra con la DS3 sarà esaltante. Lo sarà perché la vettura pare nata proprio per affrontare i percorsi più duri, è proprio lì che le sue qualità si evidenziano maggiormente”. Saranno dieci, le Prove Speciali, ricavate nel territorio che abbraccia Cingoli, proposte dal 19° Rally Adriatico. Verrà proposto qualche tratto nuovo, giusto per dare quel giusto pathos in più agli sfidanti che duelleranno su 121 chilometri di distanza competitiva, a fronte di un totale di 501,160, in due giornate. Venerdì 18 maggio, il test per le vetture da gara, lo “shakedown” (dalle ore 08,00 alle 13,00), per la prima volta in Italia stabilirà l’ordine di partenza della gara e nel pomeriggio, alle ore 15,31,si darà il via alla prima tappa da Piazza Vittorio

Emanuele II a Cingoli.
L’arrivo della prima giornata sarà alle ore 21,30, dopo quattro Prove Speciali – due da ripetere altrettante volte. Il Rally riprenderà sabato 19 maggio dalle ore 09,01 portando i concorrenti a confrontarsi su altre sei Prove Speciali (due da disputare per tre volte) con l’arrivo finale previsto alle 19,20, sempre in Piazza Vittorio Emanuele II a Cingoli.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©