Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Civ: strepitoso Russo nella 600 Stock


Civ: strepitoso Russo nella 600 Stock
11/04/2011, 23:04

Il massimo campionato italiano della velocità ha preso il via sul Circuito Internazionale di Misano Adriatico. Nella classe 600 Stock i piloti della Campania sono stati i protagonisti assoluti, e la vittoria è andata a Riccardo Russo del Team Trasimeno. Il diciottenne pilota del Moto Club Piccole Pesti è stato autore di una prova maiuscola, che gli ha permesso di iniziare alla grande la stagione: “Siamo – dice con un sorriso Russo – andati oltre ogni più rosea aspettativa. Durante le prove l’avantreno della mia R6 non trasmetteva il giusto feeling. Nelle qualifiche non siamo riusciti a risolvere il problema, ed ho fatto il quarto miglior tempo. I ragazzi del team, però, sono stati bravi nel warm-up, perché hanno trasformato quella che era una moto difficile da portare al limite in piega, in una gazzella pronta a saltare tra i cordoli dell’asfalto romagnolo. Dopo il via, per circa quattro giri ho studiato gli avversari. Al quinto passaggio ho rotto gli indugi, ed ho lottato prima con Giuliano Gregorini, poi con Dino Lombardi”. In particolare il duello tra Russo e l’avellinese del Team Dg Racing ha infiammato il pubblico sugli spalti: “E’ stato – spiega Riccardo – bello battagliare con Dino, perché mi sono divertito molto. All’ultimo giro al curvone l’ho passato e sono arrivato al traguardo con oltre un secondo di margine sull’inseguitore. Un esordio così è meglio di come l’ho sognato sabato sera. La vittoria è il frutto di una squadra composta da uomini eccezionali, che hanno nel sangue l’agonismo sano delle competizioni”. In queste ore Russo è in viaggio per l’Olanda, dove ad Assen debutterà al Campionato Europeo Velocità: “Il tracciato–confessa – non lo conosco, ma non sarà una scusa per non dare il meglio. Non amo fare pronostici, ma mi limito a dire che la voglia di fare bene c’è tutta, con l’intento di scoprire cosa si prova su un podio continentale”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©