Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Civ-600 Stock Imola: successo per il casertano Riccardo Russo


Civ-600 Stock Imola: successo per il casertano Riccardo Russo
08/04/2012, 16:04

Neanche il diluvio è stato in grado di rallentare l’azione del polso di Riccardo Russo. Il giovane talento del Team Italia-Fmi, sul difficile tracciato di Imola, ha vinto la prova della classe 600 Stock del Civ, e bissa così il successo raccolto al Mugello, in occasione della gara d’apertura. In griglia di partenza Russo occupava la terza piazza, ma al traguardo è arrivato con oltre due secondi di vantaggio su Mattia Cassani: “E’ stata – racconta il talento del Moto Club Piccole Pestidurissima. Nelle fasi iniziali la pioggia non permetteva una visuale perfetta della pista, ed al quarto giro, mentre ero quinto, ho anche fatto un dritto. Per fortuna non sono caduto, ma sono rientrato in dodicesima posizione. Non mi sono lasciato prendere dal nervosismo, e con freddezza ho affrontato le tornate rimanenti. Il passo era buono, ed è stato entusiasmante recuperare giro dopo giro le posizioni; quando sono arrivato per primo alla bandiera a scacchi ho urlato di gioia. Ringrazio la squadra per l’ottimo lavoro svolto durante il week end. Due vittorie in due gare si ottengono solo se puoi contare su una compagine di tecnici di primissimo piano”. Russo tornerà in pista domenica 22 aprile in Olanda, quando sul circuito TT di Assen difenderà il primato in classifica del Campionato Europeo Velocità: “Nonostante – spiega Ricky 84le modifiche apportate recentemente, Assen è ancora oggi considerata l’università della moto. Un misto di tecnica e velocità che mettono a dura prova le coronarie di chi deve spalancare il gas. L’anno scorso conclusi sesto, e ricordo che la mia Yamaha R6 aveva dei problemi al cambio. Inoltre era la prima volta che mettevo le ruote su quella pista. A questi livelli è difficilissimo vincere, ma quest’anno come obiettivo mi sono posto di essere sempre in lizza per la vittoria. Mi sento carico e pronto per affrontare questa nuova sfida”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©