Sport / Vari

Commenta Stampa

CLASSE 125: RIPARTE L'AVVENTURA MONDIALE DI RAFFAELE DE ROSA


CLASSE 125: RIPARTE L'AVVENTURA MONDIALE DI RAFFAELE DE ROSA
22/02/2008, 10:02

Si è appena conclusa la tre giorni di test sul circuito spagnolo di Jerez de la Frontiera, e protagonista della classe 125 è stato il napoletano Raffaele De Rosa. Il pilota del team Onde 2000, alla guida di una Ktm, ha fatto segnare il terzo miglior tempo, dopo essere stato a lungo in testa a guidare il gruppo. De Rosa è comunque il primo degli italiani, dimostrando una padronanza del mezzo ed un passo di gara che lascia ben sperare per i suoi sogni iridati. “ E’ stata la prima presa di contatto con la nuova moto, e lo sviluppo nei primi due giorni è stato rallentato dalle condizioni climatiche avverse. Nello stesso tempo siamo stati bravi nel centrare il giusto setting per gareggiare in caso di pioggia – dice lo scugnizzo del motomondiale – una volta spuntato il sole, il lavoro si è concentrato sulle gomme e le sospensioni. A dire il vero abbiamo avuto dei problemi di regolazione alla forcella – ammette – ma grazie ai tecnici siamo riusciti a risolverli, e la moto va come nei miei desideri piacerebbe andasse”. I test spagnoli sono stati un banco di prova importante in vista del campionato che inizierà a breve, perché c’erano tutti i piloti che hanno ambizioni mondiali: “ Sono molto contento di essere entrato subito nel gruppo dei più veloci, perché sia la moto sia il team per me sono del tutto nuovi, e scoprirmi già competitivo mi rasserena molto – dice con un sorriso Raffaele – la Ktm rispetto all’Aprilia ha un’erogazione meno brusca, e questo ti permette di concentrati maggiormente sulla guida. La ciclistica è ottima, e non richiede molto per adattarvisi. Gli uomini del team sono davvero fantastici e non mi fanno mai mancare il loro appoggio – continua -  Ho proprio tutto per puntare al massimo, ossia al titolo. Ammetto che sarà difficile, ma da buon napoletano quale sono, le cose le faccio col cuore, e questa sarà la mia marcia in più”.

Commenta Stampa
di Alfredo di Costanzo
Riproduzione riservata ©