Sport / Vari

Commenta Stampa

Club Scherma Salerno , la squadra di fioretto femminile sfiora la promozione in B1


Club Scherma Salerno , la squadra di fioretto femminile sfiora la promozione in B1
02/02/2011, 12:02

Discreta prova da parte degli atleti del Club Scherma Salerno impegnati nello scorso week end a Dalmine, in provincia di Bergamo, ai Campionati Italiani a Squadre di Serie B1 e B2 di fioretto, spada e sciabola, femminili e maschili. All’appuntamento organizzato dalla Sala Scherma Marcellini di Sarnico, il sodalizio caro al patron Apolito si era presentata con ben tre squadre.
Sulle pedane della palestra del Cus Dalmine, la squadra di sciabola maschile di Serie B1, composta da Simone Novello, Francesco Fasolino e Francesco Napoli (sebbene orfana di Marco Autuori, infortunatosi a Ravenna) ha battuto Sciacca (condannando i siciliani alla retrocessione) ed ha chiuso al decimo posto, conquistando la permanenza nella categoria.
La squadra di fioretto femminile, in Serie B2, ha sfiorato la promozione in B1: Giuliana Bellizia, Maria Teresa Cirillo e Rosanna Elefante ha chiuso al quinto posto, le prime 4 classificate centravano il salto di categoria.
Poteva fare di più la squadra di spada maschile di Serie B2 con Francesco Paolo Napoli, Fabio Esposito ed Alessandro Malinconico (fiorettisti prestati all’arma per l’occasione) che comunque ha chiuso al quattordicesimo posto.
TERZA PROVA CAMPIONATI ITALIANI MASTER – A Verona, intanto, si è svolta la Terza Prova del circuito nazionale Master alle sei armi delle categorie 0-1-2-3. Nell’accogliente sede della Fondazione Bentegodi, gli atleti del Club Scherma Salerno hanno fatto la voce grossa. Nella categoria 3 di fioretto maschile, il solito Arturo De Bartolomeis ed Aleksandar Anastasov sono saliti sul podio, ma entrambi si sono dovuti accontentare del gradino più basso: per tutti e due terzo posto e medaglia di bronzo. Anastasov, settimo nella prova di sciabola maschile, si è assicurato la vittoria nella prova di spada, battendo in finale Simone Buongiardino e conquistando la medaglia d’oro.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©