Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Colantuono: "Dobbiamo ripartire da Napoli"


Colantuono: 'Dobbiamo ripartire da Napoli'
10/04/2012, 15:04

Dopo due sconfitte consecutive l'Atalanta va a Napoli con l'obbligo di fare punti. ''Abbiamo archiviato la sconfitta con il Siena. Ci siamo leccati le ferite e siamo pronti a ripartire come sempre - spiega Stefano Colantuono -. La squadra e' serena, io non ho avuto molti appunti da fare ai miei perche' secondo me contro i toscani abbiamo sfoderato una delle migliori prestazioni stagionali. E' mancato solo il risultato''. Domani sera al San Paolo i nerazzurri troveranno un Napoli ferito: anche il gruppo di Mazzarri e' reduce da due sconfitte consecutive contro Juve e Lazio. ''Loro in questa stagione hanno avuto sfortuna - sottolinea Colantuono -. E' normale concedere qualcosa in campionato se sei impegnato in Champions. Quella del Napoli resta pero' un'ottima stagione: noi partiamo sfavoriti ma ce la giocheremo come sempre. Dovremo cercare di chiudere bene gli spazi e sfruttare bene le ripartenze. Facendo ovviamente attenzione ai tre davanti, pericolosissimi''. L'Atalanta non dovra' pensare pero' solo a limitare i danni, ma anche a pungere i partenopei. La missione sara' affidata a German Denis, l'ex di lusso pronto al rientro da titolare dopo lo spezzone giocato con il Siena: per restare lontana dalla zona retrocessione, l'Atalanta deve assolutamente ritrovare i gol dell'argentino. In difesa Colantuono dovra' rimpiazzare lo squalificato Manfredini: probabile l'accentramento di Lucchini con l'inserimento a destra di Raimondi, favorito su Bellini, che figura nell'elenco dei diffidati insieme a Cigarini. Probabile che l'allenatore, nel disegnare la formazione, tenga conto anche della sfida cruciale di domenica contro il Chievo: fatiche e cartellini gialli potrebbero influenzare le scelte. ''Quella sara' una partita da non sbagliare - avverte Colantuono - Il Chievo tra l'altro sara' avvantaggiato perche' avra' 24 ore in piu' per riposare''. (ANSA).

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©