Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Compagnoni:"Napoli subito dietro le grandi"


Compagnoni:'Napoli subito dietro le grandi'
10/09/2010, 16:09

Napoli-Bari sarà una gran bella partita, almeno è quanto si aspetta il telecronista di Sky Sport Maurizio Compagnoni che domenica commenterà il match al San Paolo: “Lo scorso anno ho visto un ottimo Napoli, quando è arrivato Mazzarri ha fatto una grande stagione – ha dichiarato all’Arena Azzurra, su Radio Quinta Rete - Quest’anno l’ho già visto, ero a Boras per la partita contro l’Elfsborg e mi è piaciuto molto. Ha ragione Mazzarri quando dice che quella vittoria è stata sottovalutata. Il Napoli è partito bene anche in campionato: ottimo risultato con la Fiorentina se consideriamo che aveva giocato giovedì ed era rientrato a tarda notte. Napoli è subito a ridosso delle quattro grandi, basta che una delle quattro candidate cali e gli azzurri ci sono”.
Domenica ci sarò io a commentare il match, mi aspetto una gran bella partita. Il Bari ha avuto un esordio strepitoso e il Napoli sta benissimo.  I pugliesi che fanno catenaccio non ci credo neanche se li vedo, Ventura gioca quasi con un 4-2-4 e va a Napoli per giocarsela. Questo può essere un vantaggio per gli azzurri perchè quando Cavani, Hamsik e Lavezzi hanno spazio diventano formidabili, è vero che anche il Bari è pericoloso. Lascia un po’ di spazio a Cavani che va in progressione e quando lo prendi...” 
Crisi calcio, pochi tifosi allo stadio. Colpa della tessera? “Al di là della tessera del tifoso, che quasi tutti stanno facendo, il problema è il solito: prezzi dei biglietti troppo alti. Quando una società li abbassa gli stadi si riempiono. Le strutture sono scomode, non si può pagare un prezzo esagerato per vedere le partite in posti scomodi. Parlo in generale: le tv pagano tanto e gli introiti sono alti, bisognerebbe abbassare i prezzi dei biglietti anche perchè si può incassare di più. Dai uno stadio comodo e un prezzo ragionevole e vedrai che gli stadi di Serie A tornano a riempirsi”.
Caso Quagliarella? ”Con l’arrivo di Cavani le cose erano due: o Mazzarri aveva parlato con De Laurentiis dicendo che voleva provare il tridente o qualcuno doveva partire, altrimenti spendere 17 mln per Cavani e metterlo in panchina…E’ una cessione dolorosa, ma uno di questi in panchina era uno spreco. Chi ha fatto l’affare Napoli o Juve? Tutte e due”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©