Sport / Vari

Commenta Stampa

Comproprietà di Gaetano Letizia

Alcune precisazioni della S.F. Aversa Normanna

Comproprietà di Gaetano Letizia
01/07/2013, 16:58

AVERSA – In merito alla questione della comproprietà di Gaetano Letizia con il Carpi Football Club e ad alcune dichiarazioni rilasciate dal signor Cafasso, già presidente dell’A.C. Pianura,la S.F. Aversa Normanna ritiene opportuno precisare quanto segue.

In primo luogo che il giocatore non sarebbe mai potuto ritornare di proprietà della S.F. Aversa Normanna, in quanto la società granata è retrocessa in serie D. Se fosse rientrato ad Aversa il giocatore avrebbe avuto la possibilità di svincolarsi perché la società normanna milita in campionato dilettantistico e tornare, quindi, nel professionismo. Altro discorso sono gli accordi intercorsi fra le due società. In questo casola S.F. AversaNormanna è pronta a rivolgersi alle sedi opportune per l’atteggiamento assunto dal Carpi Football Club in seguito agli accordi raggiunti in precedenza, accordi ben noti e formalizzati dalla stessa società emiliana.

Tra l’altro, è qui veniamo al secondo punto, ci meravigliano molto le dichiarazioni del signor Cafasso e di chi ne ha evidenziato i suoi presunti meriti per la splendida carriera di Gaetano Letizia. Letizia è stato lanciato nel mondo del calcio professionistico dall’Aversa Normanna. Ha disputato con  la maglia granata due campionati di Seconda Divisione ad alto livello, collezionando complessivamente oltre sessanta presenze. Lo stesso Letizia più volte, in maniera pubblica tramite interviste o in colloqui privati, ha riconosciuto i meriti dell’Aversa Normanna e ringraziato i massimi dirigenti per l’opportunità concessagli di giocare in un campionato professionistico. Infine, non c’era nessun bisogno di ‘ridiscutere’ la sua compartecipazione con l’A.C. Pianura, così come affermato dal signor Cafasso, in quanto Letizia si svincolò dalla società napoletana dopo che la stessa non si iscrisse al campionato di competenza. Anche in questo casola S.F. AversaNormanna si riserva di rispondere nelle sedi opportune alle dichiarazioni del signor Cafasso.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©