Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Conosciamo Alain Mestdagh


Conosciamo Alain Mestdagh
17/01/2014, 22:31

Chimico, pilota, verniciatore, pioniere e piccolo industriale, sono solo alcune delle avventure che hanno visto come protagonista Alain Mestdagh. Belga, cinquantaquattro primavere, è uno dei nomi più conosciuti tra gli appassionati delle competizioni motociclistiche: “Nel 1978 – racconta Mestdagh – durante il servizio di leva, conobbi il pilota Didier de Radigues. Terminato l’obbligo militare ci siamo persi di vista. A distanza di anni, andai a vedere il Gp del Belgio sul bellissimo circuito di Spa Francorchamps; riuscì ad entrare nel paddock senza pass e quando me lo trovai di fronte, subito mi riconobbe e m’invitò a fare quattro chiacchiere dopo la corsa. Alla sua squadra serviva un verniciatore e con grande gioia accettai di collaborare con loro. Nel 1986 sono tra le fila del Team Chevallier, mentre nel 1987, grazie a Francis Battà, entro a far parte della famiglia Cagiva, con il compito di verniciatore e di manutentore delle carrozzerie. L’anno successivo lavoro solo con Didier e nel 1989 passo all’Aprilia, con il ruolo di meccanico di pista e di addetto al reparto modelleria. A metà anni 90 inizia la collaborazione con la Lamborghini Formula Uno, che dura fino ai giorni del fallimento; a Sant’Agata Bolognese mi specializzo nella lavorazione del carbonio. Nel 1991 fondo la Picasso Racing Components; all’inizio ero senza fondi, dopo cinque anni avevo già ventuno dipendenti”. La Prc si occupa della lavorazione del carbonio e del kevlar: “I guanti Dainese – dice con orgoglio Alain - utilizzati da Loris Capirossi sono stati prodotti dalla Prc. Nel 1999 invento un sistema speciale che offre la possibilità di combinare insieme materiali compositi duri e flessibili e nel 2000 lo brevetto sotto il nome di Carbon Wear. Inizia una serie di collaborazioni con le principali case impegnate nelle competizioni, ma la crisi nel settore delle due ruote, a partire dal 2008, ha ridimensionato il volume di affari con loro. Oggi siamo anche impegnati nel settore moda e tra i nostri partner ci sono sia  uno dei più grandi marchi che lavorano la pelle, sia la Louis Vuitton, sia la Carbon Chic. Per il nuovo anno, vogliamo continuare a svilupparci nella lavorazione del carbonio e nello sviluppo aerodinamico”. Trent’anni d’esperienza tra i cordoli di tutti il mondo sono ricchi di momenti belli e brutti: “Sono – afferma Alain – stato fortunato perché ho avuto la gioia di lavorare con uomini come Claudio Castiglioni e Alain Chevallier. Purtroppo nel 1989 ho vissuto un momento terribile, perché in Germania, all’Hockenheim perse la vita l’amico e pilota Ivan Palazzese. Le gare, comunque, restano un concentrato unico di adrenalina, e starne lontano, per chi come me ha la passione per le due ruote, diventa man mano che passano gli anni, sempre più difficile”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©